menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
frame dal video realizzato dal giornalista Andrea Torresani

frame dal video realizzato dal giornalista Andrea Torresani

Bennie il mostro del lago di Garda torna a far parlare: "C'erano due gobbe in acqua"

Nuovo "avvistamento" sospetto nella acque del lago di Garda presso la spiaggia di Pai a Torri del Benaco, e si torna a parlare di "Bennie"

Una video intervista a due donne nei pressi della spiaggia di Pai a Torri del Benaco riaccende la suggestione, o forse qualcosa in più, della possibile esistenza di un "mostro" (o più di uno?) che abiti le profondità ascose del lago di Garda. Il filmato in questione è stato pubblicato dal giornalista Andrea Torresani sul proprio profilo Facebook e ha subito destato la curiosità di numerosi internauti, oltre che degli appassionati di quella che alcuni ritengono essere pura leggenda, altri invece considerano una storia dai possibili risvolti veritieri.

Gli avvistamenti nel corso degli anni passati si sono succeduti in gran numero, alcuni dei quali "comprovati" da foto e filmati più o meno in grado di corroborare la tesi, mai effettivamente certificata così come mai smentita del tutto, dell'esistenza di "Bennie". Il lago di Garda come quello di Loch Ness? Forse, certo è che il "mito" di un mostro del Garda che si aggiri nelle acque del lago è un qualcosa di ormai duraturo e che continua a suscitare la curiosità di moltissime persone. Di seguito riportiamo alcuni stralci della video intervista realizzata da Andrea Torresani:

«C'erano due gobbe che andavano avanti allineate, sono partite da là e andavano avanti in linea retta e hanno proseguito verso Garda. Cosa fossero sinceramente non lo so, è però molto strana la cosa.

Poi un sacco di bolle, uno che faceva sub assolutamente non poteva essere, si sarebbe vista la sagoma di una persona. Invece questa era come di due gobbe allineate in coppia che viaggiavano con una tranquillità pazzesca.

Tutta la gente che c'era in spiaggia si è un attimo mobilitata per capire che cosa fosse, ma nessuno è riuscito a dare una spiegazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento