menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autogol della polizia, Trento ferma volante veronese

Una pattuglia di Verona Sud sulle tracce di un veicolo sospetto bloccata dai colleghi

Si sfiora quasi “l’incidente istituzionale” tra Trento e Verona, non fosse altro che nella vicenda, quasi grottesca, sono coinvolte due autorità dello stesso Corpo, la polizia stradale. Ieri mattina, sull’A22 del Brennero, una pattuglia di Verona Sud si è lanciata, a sirene spianate, all’inseguimento di un veicolo sospetto quando è stata bloccata da una chiamata della dirigente del Centro operativo autostradale di Trento per un’ispezione agli agenti in servizio. Il mezzo da rintracciare è così riuscito a fuggire.

È il sindacato provinciale Ugl di Peschiera a denunciare l’episodio, chiedendo direttamente spiegazioni alla dirigente trentina. “Il Coa- spiega Angelo Calvario, segretario regionale Ugl- ha chiamato al telefono gli agenti al lavoro per spingerli a passare sui canali radio riservati, che al momento, per ovvie ragioni di servizio, erano sintonizzati sulle frequenze della centrale di Verona Sud per gli aggiornamenti sull’inseguimento. Tutto per avvisarli di fermarsi sulla piazzola più vicina e procedere ad un’ispezione”. A quel punto gli agenti sono stati “bacchettati” dal capo. “Perché non rispondevate alla chiamata radio?”. La risposta, per l’Ugl, è semplice.

“Gli agenti- prosegue Calvario- stavano solamente cercando di usare il buonsenso, cercando di reperire le informazioni utili in modo da rintracciare il veicolo sospettato di aver preso parte ad un reato. Del quale solo la Coa di Trento non era nemmeno a conoscenza. L’operazione degli agenti scaligeri non ha destato alcun interesse nella dirigente che non si è lasciata minimamente turbare dal reato consumato o dalla difficoltà delle ricerche”. Qui la stoccata finale del sindacato con base a Peschiera: “La domanda che è stata rivolta agli agenti di Verona Sud dalla dirigente stessa è stata: a cosa serve il Centro operativo se non lo ascoltate? Noi, a conti fatti, vogliamo girarla a Trento. Come può una sottosezione avere conoscenza della consumazione di un reato prima dello stesso Coa competente e che dirige? Su questo vogliamo spiegazioni”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento