Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca Zai / Via Basso Acquar

Incrocia l'auto della polizia e getta l'eroina, ma viene fermato e denunciato

Il 40enne si è liberato dell'eroina, ma il suo gesto non è sfuggito agli uomini delle Volanti: l'uomo è stato anche segnalato all'Ufficio Immigrazione, dal momento che non risulta in regola per il soggiorno in Italia

Gli agenti delle Volanti al distributore di via Basso Acquar

La continua lotta al traffico di sostanze stupefacenti, ha portato gli uomini della Questura di Verona al sequestro di 5 involucri di eroina e alla denuncia di un cittadino tunisino di 40 anni.

Non erano ancora le 19 di giovedì, quando il nordafricano è stato intercettato da un equipaggio delle Volanti in via Basso Acquar, nei pressi dell’area carburante “Constantin”. Gli agenti, che stavano pattugliando la zona, hanno deciso di sottoporre a controllo l’uomo dopo aver visto che, notata l’auto della polizia, ha estratto dalla tasca alcuni oggetti di forma sferica per poi lasciarli cadere a terra. Si trattava di 5 involucri termosaldati contenenti 11.52 grammi di eroina, chiaramente destinata allo spaccio.

Gli accertamenti effettuati dagli investigatori hanno suffragato quest’ipotesi in quanto, sul telefono cellulare del pusher (sequestrato insieme allo stupefacente) sono stati trovati diversi messaggi con i quali lo stesso concordava con i propri acquirenti i luoghi di incontro dove sarebbe stato possibile effettuare la compravendita illegale. Sottoposti a sequestro anche i 110 euro che il cittadino straniero portava con sé, ritenuti dalle forze dell'ordine il frutto dell’attività di spaccio.

L’uomo, oltre ad essere stato denunciato per le responsabilità penali rilevate a suo carico, è stato segnalato al competente Ufficio Immigrazione della Questura, in quanto non in regola con la normativa che disciplina il soggiorno degli stranieri sul territorio dello Stato italiano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incrocia l'auto della polizia e getta l'eroina, ma viene fermato e denunciato

VeronaSera è in caricamento