Attività e negozi aperti anche dal 24 dicembre nell'Italia zona rossa: deroghe spostamenti

Iniziano oggi i primi quattro giorni di zona rossa anche a Verona e provincia fino a domenica

Piazza Bra - Verona

Da oggi, giovedì 24 dicembre, l'Italia è entrata ufficialmente in zona rossa e lo resterà fino a domenica, per poi diventare zona arancione nei tre giorni di lunedì 28, martedì 29 e mercoledì 30 dicembre. Il regime di restrizioni previsto in zona rossa è certamente molto severo, anzitutto sugli spostamenti e circa le chiusure di numerose attività commerciali, così come in merito a diversi servizi alla persona, su tutti i centri estetici ed i centri benessere che risultano chiusi.

La zona rossa a Natale: cosa si può fare e cosa no, tutti i divieti e le concessioni del governo

Vi sono ugualmente però diverse altre attività ed esercizi commerciali che anche nella zona rossa possono continuare a restare aperti e, altresì, possono essere sempre raggiunti dai clienti. Lo spostamento fuori dalla propria abitazione in zona rossa deve sempre essere giustificato tramite l'apposito modulo dell'autocertificazione, sia che si tratti di uno spostamento all'interno del proprio Comune che al di fuori di esso, o addirittura fuori dalla propria Regione. 

Per gli spostamenti fuori dal proprio Comune o addirittura dalla propria Regione è necessario in zona rossa avere dei motivi di lavoro, necessità o salute, oppure star facendo rientro alla propria residenza, domicilio od abitazione. È invece consentito spostarsi all'interno di tutto il territorio della propria Regione, quindi anche uscendo dal proprio Comune verso un altro qualsiasi differente purché interno alla propria Regione, ma solo una volta al giorno tra le ore 5 e le 22 e «nei limiti delle due persone», per andare a fare visita a qualcuno presso un'abitazione privata (qui trovate l'articolo dedicato con tutte le informazioni). 

La visita a casa d'altri durante la zona rossa e arancione dal 24 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Altro discorso ancora sono poi gli spostamenti motivati dalla necessità di compiere un acquisto o fruire di un servizio non sospeso. Come detto, la zona rossa istituita dal Dpcm del 3 dicembre non corrisponde affatto ad un vero e proprio lockdown. Basti pensare che anche i bar ed i ristoranti non sono propriamente parlando chiusi, bensì sono aperti ma possono effettuare solo il servizio di consegna a domicilio, oppure quello d'asporto. In riferimento a quest'ultimo caso, anche in zona rossa è dunque sempre giustificato lo spostamento per raggiungere un locale che risulti aperto dove effettuare l'acquisto di cibo o bevande d'asporto, fino alle ore 22 e cioè prima dell'inizio del coprifuoco. La prefettura di Verona ha chiarito che l'interpretazione autentica da dare in merito è che gli acquisti di prodotti d'asporto possono però avvenire solo all'interno del proprio territorio comunale. Quindi potete uscire di casa per andare a prendere una pizza d'asporto, ma dovete scegliere una pizzeria all'interno del vostro Comune. La prefettura non lo ha specificato, ma se nel vostro Comune la pizzeria non ce l'avete, è altrettanto autentica l'interpretazione (desumibile dalle Faq del governo) che vi possiate spostare nel Comune contiguo al vostro presso il locale più vicino che vi consenta di acquistare la suddetta pizza d'asporto.

Stesso discorso, infatti, vale anche per tutti gli altri acquisti che, di base, devono dunque essere compiuti sempre negli esercizi commerciali più vicini alla propria abitazione. Si può sempre uscire per fare la spesa al supermercato, ma scegliendo di norma il negozio più vicino. Ancora una volta, qualora il proprio Comune non disponga di un tale esercizio commerciale, è possibile uscire dal proprio Comune anche in zona rossa per raggiungere il negozio più vicino che consenta di soddisfare la propria esigenza. Il governo lo spiega chiaramente nelle Faq ufficiali aggiornatePosso fare la spesa in un Comune diverso da quello in cui abito? Questa la risposta formale del governo che chiama in causa persino la possibilità di uscire dal proprio Comune, sempre parlando di zona rossa, per recarsi in un punto vendita di un Comune diverso poiché nel tal negozio vi sono prezzi più convenienti:

«Fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti. Laddove quindi il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito, entro tali limiti, che dovranno essere autocertificati».

Subito dopo il governo pone un'altra questione di essenziale importanza sempre con riferimento alla zona rossa: Si può uscire per acquistare beni diversi da quelli alimentari? La risposta ufficiale è la seguente:

«, ma solo per acquistare prodotti rientranti nelle categorie espressamente previste dal Dpcm 3 dicembre 2020, la cui lista è disponibile nell'allegato 23».

Veniamo allora al punto focale del presente articolo, vale a dire il contenuto dell'allegato 23 del Dpcm dello scorso 3 dicembre 2020. Qui è raccolto l'elenco dei prodotti venduti legittimamente negli esercizi commerciali che possono restare aperti anche in zona rossa e, dunque, possono altresì essere raggiunti, in deroga al divieto di spostamento, da chiunque abbia esigenza di comprare qualcosa che in questi negozi è possibile acquistare. In tali circostanze, lo spostamento verso il negozio aperto a noi più vicino è sempre giustificato, anche durante i giorni di zona rossa. Di seguito l'elenco completo degli esercizi commerciali che possono restare aperti in base all'allegato 23 del Dpcm:

  • Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari)
  • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
  • Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
  • Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione
  • Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati 
  • Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
  • Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione (incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
  • Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio
  • Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
  • Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio
  • Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati
  • Commercio al dettaglio di biancheria personale
  • Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati
  • Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori
  • Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)
  • Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti
  • Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
  • Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
  • Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
  • Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali
  • Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono
  • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici.

Di seguito, infine, l'elenco dei servizi alla persona che possono restare attivi anche in zona rossa, sulla base dell'allegato 24 del Dpcm del 3 dicembre 2020:

  • Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
  • Attività delle lavanderie industriali
  • Altre lavanderie, tintorie
  • Servizi di pompe funebri e attività connesse
  • Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Covid-19, un grafico divide l'Italia in province: Verona indicata come "zona rossa"

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento