Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca San Michele / Piazza del Popolo

Un idraulico "stupefacente": finisce agli arresti domiciliari per spaccio di cocaina un 29enne

Il giovane era dedito allo spaccio di droga nel quartiere di San Michele ed ora si trova agli arresti domiciliari, dopo essere stato colto in flagranza di reato dalla Squadra Mobile

Nel corso di operazioni per la prevenzione e la repressione dello spaccio e del traffico illecito di droga, intorno alle ore 16.30 del 31 gennaio scorso, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Verona hanno proceduto all’arresto di un 29enne veronese (le cui iniziali sono S. S.), colto nella flagranza del delitto di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Grazie ad un’attività info-investigativa, la sezione Sezione Antidroga aveva in precedenza appreso da diverse fonti qualificate, di come il 29enne veronese, idraulico di professione, fosse dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona del quartiere di San Michele a Verona. Già nel corso della mattinata di mercoledì scorso, i poliziotti della Squadra Mobile si erano quindi appostati in Piazza del Popolo allo scopo di riscontrare l’eventuale attività delittuosa.

In effetti, poco dopo, è stato notato il giovane provenire da direzione Porta Vescovo a bordo della propria auto, per poi parcheggiare all’altezza della pasticceria di piazza del Popolo. A questo punto, il 29enne è sceso dall’auto e ha iniziato a fare la spola tra piazza del Popolo e il Bar ubicato nella medesima piazza, effettuando varie telefonate. Tale frenetico andirivieni si è protratto per circa dieci minuti, sino a quando il giovane si è riseduto nella sua auto manifestando il chiaro atteggiamento di chi è in attesa dell'arrivo di qualcuno.

Gli agenti della polizia hanno allora deciso di procedere al suo controllo tramite una perquisizione personale che ha poi dato esito positivo: all’interno di una tasca del giubbotto, infatti, i poliziotti hanno rinvenuto un involucro in cellophane trasparente contenente cocaina per un peso complessivo poi accertato di 33,71 grammi. La droga si presentava ripartita in piccole dosi, tutte pronte per la successiva rivendita. Dopo la convalida dell’arresto, il Giudice ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un idraulico "stupefacente": finisce agli arresti domiciliari per spaccio di cocaina un 29enne

VeronaSera è in caricamento