Succede a Verona: rubano il furgone di un corriere mentre era sceso per una consegna

Arrestata una coppia dopo la fuga e l'inseguimento da parte della polizia

La polizia dopo aver recuperato il furgone rubato

Secondo quanto riferito dalla questura di Verona, due cittadini veronesi avrebbero rubato il furgone di un corriere, proprio mentre questi sarebbe stato dedito ad effettuare una consegna. L'episodio risalirebbe a ieri, venerdì 28 agosto, quando erano circa le ore 11.30. La polizia spiega che i due complici avrebbe anzitutto aspettato che il corriere scendesse dal furgone per effettuare la consegna e, subito dopo, mentre uno dei due sarebbe rimasto a bordo dell’auto verde con la quale avevano raggiunto via del Perlar, l’altro sarebbe salito sul mezzo intestato alla ditta FedEx, ingranando la marcia ed allontanandosi con tutto il carico di merce.

La richiesta di intervento alla centrale operativa della questura scaligera è giunta dal corriere stesso che, fortunatamente, prima di veder i due ladri fuggire, sarebbe riuscito a notare l’uomo alla guida del furgone e la donna a bordo della vettura verde, dei quali avrebbe poi anche fornito una dettagliata descrizione alla polizia. Gli agenti della Squadra Mobile e delle Volanti, secondo ciò che riporta la questura, si sono quindi messi subito alla ricerca dei due ladri che, nel frattempo, avevano fatto perdere le loro tracce in zona Borgo Roma. Il furgone, seguito dall’auto condotta dalla complice dell’esecutore materiale del furto, sarebbe infine stato intercettato da un equipaggio di poliziotti in borghese in via Scuderlando. Entrambi i veicoli sono stati pedinati fino all’area antistante l’accesso del cimitero di Borgo Roma e bloccati dagli equipaggi della Mobile e delle Volanti.

Dentro l’auto della donna, una 34enne veronese, gli agenti spiegano di aver trovato numerosi scatoloni, tutti con contrassegno TNT, prelevati verosimilmente in precedenza dal furgone rubato. Il complice, anch'egli un cittadino veronese di 42anni, sarebbe invece stato trovato in possesso di un palmare, sempre intestato alla ditta TNT, poi riconsegnato dagli agenti, insieme al resto della merce, al legittimo proprietario. Arrestati per il reato di furto aggravato in concorso, i due sono comparsi nella mattina di oggi, sabato 29 agosto, davanti al giudice. Secondo quanto riportato dalla questura, in sede di rito direttissimo e dopo aver convalidato l’arresto di entrambi, il giudice ha rinviato l’udienza al prossimo 16 settembre e disposto nei confronti dell’uomo, il quale sarebbe già gravato da precedenti e destinatario di misura cautelare, l’obbligo di dimora a Verona con l’ulteriore prescrizione dell’obbligo di presentazione giornaliero alla Polizia Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento