rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Zai / Viale delle Nazioni

Bloccato per furto di cellulare, nel marsupio gli trovano il provento di una rapina

Un ragazzo di 26 anni è stato arrestato dai poliziotti di Verona mentre cercava di allontanarsi da Adigeo, dove aveva sfilato il telefonino dalla tasca di un uomo nascondendoselo poi in un calzino

Ieri, 16 dicembre, un ragazzo di 26 anni è stato arrestato dai poliziotti di Verona. I giovane aveva appena commesso un furto in Adigeo e nel suo marsupio gli agenti hanno trovato la refurtiva di una rapina commessa martedì scorso.

Il 26enne, già noto alle forze dell'ordine, ieri sera si è avvicinato ad un uomo all'interno del centro commerciale e gli ha sfilato il cellulare dalla tasca posteriore dei pantaloni, allontanandosi poi verso l'uscita. La vittima si era però accorta di ciò che era successo ed ha seguito il malvivente insieme alle guardie giurate, chiedendo invano la restituzione del telefonino.
Sono stati gli agenti delle Volanti a bloccare il giovane in Viale delle Nazioni, mentre tentava di far perdere le proprie tracce. Il ragazzo è stato arrestato per il furto del cellulare, trovato nascosto nel suo calzino sinistro.
Inoltre, nel marsupio del ventiseienne sono stati trovati 400 euro in contanti, presumibile provento di una rapina commessa martedì pomeriggio in Piazzale XXV aprile. Anche in quell'occasione, il ladro aveva usato la stessa tecnica e aveva sottratto il portafoglio ad un connazionale. In quell'occasione aveva anche colpito la vittima alla testa con una bottiglia di vetro, provocandogli una ferita giudicata guaribile in sette giorni.

Questa mattina, il giudice ha convalidato l’arresto e ha disposto il divieto di dimora a Verona per il 26enne.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bloccato per furto di cellulare, nel marsupio gli trovano il provento di una rapina

VeronaSera è in caricamento