rotate-mobile
Cronaca San Zeno / Piazza Corrubbio

Al primo giorno di arresti domiciliari già evade, viene trovato e arrestato

Aveva il divieto assoluto e tassativo di allontanarsi dalla propria abitazione, ma non lo ha rispettato. Gli operatori della divisione anticrimine della questura di Verona lo hanno fermato in Piazza Corrubbio

È stato al primo controllo degli operatori della divisione anticrimine della questura di Verona che il 22enne albanese, collocato solo il giorno prima agli arresti domiciliari dal tribunale di Busto Arsizio, non si è fatto trovare nel suo domicilio. Il giovane aveva il divieto assoluto e tassativo di allontanarsi dalla propria abitazione. Un divieto appena imposto dall'autorità giudiziaria nell'ambito di un procedimento penale, nel quale è indagato per traffico di sostanze stupefacenti. Rintracciato in pochi minuti in Piazza Corrubbio, il giovane è stato immediatamente arrestato per evasione e condotto nelle camere di sicurezza della questura, dove ha atteso il giudizio per direttissima.
All'udienza di oggi, 12 febbraio, l'arresto è stato convalidato. In attesa della prosecuzione del processo, il 22enne è stato ricondotto nell'abitazione dove dovrà rimanere.

Prosegue nel frattempo l'attività della divisione anticrimine incaricata, tra le altre cose, alla vigilanza su coloro che a Verona sono stati sottoposti a misure cautelari o misure alternative alla detenzione. Diverse sono le persone agli arresti domiciliari, alcune delle quali con braccialetto elettronico, mentre altre hanno obblighi di presentazione quotidiani o settimanali alla polizia giudiziaria.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al primo giorno di arresti domiciliari già evade, viene trovato e arrestato

VeronaSera è in caricamento