Arrestato in stazione con tre ovuli di hashish cittadino marocchino irregolare

L'uomo è in Italia senza fissa dimora e al momento del controllo da parte della polfer si trovava con una donna di orgini spagnole, alla quale è stato sequestrato il passaporto

Nella giornata di ieri, una pattuglia della polizia ferroviaria del settore operativo di Verona Porta Nuova, durante il servizio di vigilanza all’interno della stazione, volto anche alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, ha proceduto al controllo di una coppia di cittadini stranieri che sostava nell’atrio.

L’uomo, Z. M., un cittadino marocchino in Italia senza fissa dimora, era privo di documenti, mentre durante il controllo della donna, di origini spagnole, è emerso che il passaporto spagnolo da lei esibito doveva essere sequestrato su disposizione delle Autorità Iberiche. Al fine di accertare le loro esatte generalità e visto che la coppia , da subito, durante il controllo, ha manifestato eccessivi segni di nervosismo, non giustificato da un normale controllo di polizia, i due sono stati accompagnati presso gli Uffici della Polfer e sottoposti a perquisizione personale.

L’uomo è stato trovato in possesso di tre ovuli di hashish per un peso complessivo di 30 grammi, confezionati con particolare cura ed è stato quindi tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Dai successivi ed ulteriori controlli, a suo carico, è risultato inoltre, un Ordine di Respingimento dal Territorio Nazionale emesso dal Questore di Taranto, a cui non aveva ottemperato L’uomo è stato pertanto indagato anche per questo reato. La donna, alla quale è stato sequestrato il passaporto spagnolo, è stata invece rilasciata. Nella giornata odierna, durante il processo per direttissima, l’arresto è stato convalidato e il cittadino marocchino condannato è stato sottoposto alla misura dell'obbligo di firma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Dopo l'abbandono, il piccolo Zeno lascia l'ospedale per andare in affidamento

Torna su
VeronaSera è in caricamento