menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un chilo di droga e 11 mila euro in contanti nella camera da letto: 30 enne incensurato nei guai

Arrestato dai carabinieri un ragazzo di 30 anni residente a Valeggio sul Mincio

I carabinieri della stazione di Peschiera del Garda, in collaborazione con i colleghi di Valeggio sul Mincio, riferiscono di aver arrestato un trentenne incensurato e residente a Valeggio, accusandolo di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. I militari spiegano di aver avuto inizialmente notizia di un'area che sarabbe stata frequentata da giovani intenti ad acquistare sostanze stupefacenti per uso personale e di aver quindi predisposto alcuni servizi di controllo per appurare le circostanze. Sulla scorta delle loro indagini, i carabinieri sono quindi giunti ad ottenere alcuni elementi investigativi circa il trentenne poi arrestato, ipotizzando che potesse detenere presso il suo domicilio della droga.

Nel pomeriggio del 24 febbraio i militari spiegano di essersi presentati quindi presso l'abitazione del giovane uomo per perquisirla. All’arrivo dei carabinieri, il trentenne si sarebbe trovato in giardino ed inizialmente stupito della loro presenza, ma in seguito avrebbe assunto un atteggiamento nervoso ed insofferente. I militari dell'Arma spiegano che ad un certo punto si sarebbe poi rifugiato in casa, cercando di nascondere alcuni mozziconi di "spinelli" ed un involucro di plastica. Nel sacchetto i carabinieri avrebbero poi trovato un bilancino e alcuni grammi di marijuana.

Sebbene il trentenne continuasse a ribadire di non essere in possesso di altra droga, i carabinieri hanno continuato le loro ricerche e l’ipotesi investigativa avrebbe infine trovato un riscontro nel corso della perquisizione della camera da letto del ragazzo. Qui i militari dell'Arma riferiscono di aver trovato, molto ben nascosto, oltre un chilo di altra sostanza stupefacente, tra marijuana e hashish, ma anche materiale utilizzato per il confezionamento in dosi, nonché quasi 11.000 euro in contanti. A quel punto, raccolti tutti gli indizi di colpevolezza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, i carabinieri riferiscono di aver arrestato il ragazzo trentenne. Dei fatti è stato quindi informato il Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Verona, il quale ha disposto che il giovane venisse accompagnato presso il carcere di Verona Montorio. Nella mattinata di oggi, venerdì 26 febbraio, si è celebrata l’udienza di convalida dell’arresto, al termine della quale, il G.I.P. ha disposto l’obbligo di dimora nel Comune di Villafranca, restituendo gli atti al Pubblico Ministero per gli ulteriori seguiti processuali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento