Avevano sigarette e gratta e vinci rubati. "Li abbiamo trovati nella spazzatura"

La scusa non ha convinto i carabinieri che hanno fatto scattare le denunce per ricettazione. Denunciato anche un croato che viaggiava con in auto tre computer portatili risultati rubati

"Abbiamo trovato tutto in un bidone della spazzatura". Questa è stata la scusa usata da cinque rumeni, pizzicati nel fine settimana dai carabinieri di Verona vicino al casello di Verona Est. Erano a bordo di un Bmw e due di loro tenevano ben nascosti 30 pacchetti di sigarette e 230 gratta e vinci. La scusa ovviamente non ha retto, la merce era stata rubata in precedenza e per questo sono stati denunciati per ricettazione.

In quell'auto era presente anche N.D., classe '70, su cui pendevano due ordini di carcerazione. Il primo era stato emesso dai carabinieri di Verbania per 40 furti messi a segno da N.D. e la sua banda dal novembre 2015 al marzo 2016. Il secondo, per altri tre furti e ricettazione, emesso dai carabinieri di Genova. Per questo N.D. si trova ora al carcere di Montorio per scontare la sua pena.

Precedentemente, per l'esattezza venerdì 14 ottobre, nel pomeriggio in via Caccia, sempre i carabinieri veronese avevano fermato e denunciato anche per ricettazione un pluripregiudicato croato, J.H. classe '75, costretto ora all'obbligo di firma. J.H. è stato trovato alla guida di un'auto rubata, ubriaco e con la patente inibita. In più nella vettura sono stati trovati tre computer portatili rubati. Oltre questo J.H. aveva anche nella sua disponibilità anche degli arnesi utilizzati per scassinare porte e finestre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento