Calci e pugni ai carabinieri sotto l'effetto della cocaina, semina il panico anche in ospedale

Si tratta di un giovane romeno risultato clinicamente positivo alla cocaina

I carabinieri intervenuti a San Bonifacio

Erano circa le 20 di ieri, giovedì 16 maggio, quando sono iniziate ad arrivare ai carabinieri diverse telefonate che segnalavano la presenza di un giovane in stato di agitazione nei pressi di Corso Italia a San Bonifacio. Giunta sul posto una pattuglia, alla vista dei militari, il ragazzo che in quel frangente stava uscendo dal cinema, si è scagliato contro i carabinieri colpendoli con calci e pugni.

Non senza una certa fatica, gli uomini dell'Arma sono comunque riusciti a trattenere il giovane, ammanettandolo e facendolo infine entrare in macchina. Le parole dei carabinieri rivolte al ragazzo, identificato in un cittadino romeno, incensurato e classe '94, sono inizialmente servite per tranquillizzarlo. Calmati così gli animi e giunto sul posto anche il personale del 118, il ragazzo è stato accompagnato presso il locale pronto soccorso per svolgere degli accertamenti.

Una volta giunto al presidio ospedaliero, approfittando del momento in cui si era ritrovato senza manette ai polsi per consentire ai medici di visitarlo, il giovane ha tuttavia tentato all’improvviso la fuga, abbattendo la porta scorrevole della sala emergenze del pronto soccorso. Un tentativo di scappare piuttosto effimero, essendo il ragazzo subito stato raggiunto e nuovamente immobilizzato dai militari.

Nel corso di queste fasi concitate i due carabinieri in serizio hanno riportato entrambi delle ferite, giudicate poi guaribili in 5 giorni. Il giovane, dopo che era stata accertata clinicamente la sua positività alla cocaina, è stato quindi arrestato e piantonato presso il nosocomio dove è stato trattenuto in osservazione breve e intensiva fino alla mattinata di venerdì.

Comparso quest'oggi davanti al giudice del tribunale di Verona, l’arresto è stato convalidato e per il ragazzo romeno è stato così disposto l’obbligo di presentazione quotidiano ai carabinieri. L'udienza del processo è stata rinviata al prossimo 19 settembre.
 

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • La clinica San Francesco riconosciuta dalla regione Veneto come “struttura di riferimento per la chirurgia robotica ortopedica”

  • Mercato immobiliare sul Lago di Garda: Peschiera al primo posto

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Due persone investite da due diversi treni sulla linea Verona - Brescia

  • Donna fermata mentre va al lavoro da un giovane che le mostra i genitali

  • Prima il boicottaggio, poi la manifestazione contro Polunin in Arena

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento