Caporalato nel Mantovano, in un'azienda con sede legale a Legnago

I carabinieri hanno controllato un'azienda agricola di Ostiglia e arrestato quattro "caporali" e il proprietario del campo in cui 56 braccianti lavoravano a 5 euro l'ora

(Foto di repertorio)

Aveva sede legale a Legnago, l'azienda agricola controllata ieri, 15 giugno, da carabinieri a Ostiglia, in provincia di Mantova. I militari hanno verificato le condizioni di lavoro dei 56 braccianti, gestiti da una cooperativa modenese. I lavoratori, come scritto da Ansa, erano in regola con il permesso di soggiorno, ma venivano pagati soltanto 5 euro l'ora, non avevano dispositivi di sicurezza e non si erano mai sottoposti alla visita medica preventiva.

I braccianti venivano gestiti per conto della cooperativa da quattro uomini, tre di nazionalità pakistana e uno di nazionalità marocchina. I quattro "caporali" sono stati arrestati e portati in carcere a Mantova. È finito agli arresti domiciliari, invece, il committente del lavoro, l'agricoltore italiano di 72 anni, proprietario del campo in cui lavoravano i 56 braccianti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

Torna su
VeronaSera è in caricamento