Piazza Renato Simoni, preleva con una tessera bancomat non sua. Arrestato

È un trentottenne siriano, fermato dai carabinieri di Verona per indebito utilizzo di carta bancomat e ricettazione. Aveva prelevato 1.500 euro, poi restituiti ai legittimi proprietari

Ieri, 21 luglio, i carabinieri di Verona hanno arrestato in piazza Renato Simoni un cittadino siriano di 38 anni, responsabile di indebito utilizzo di carta di bancomat.

L'uomo, nullafacente, pregiuducato, irregolare e destinatario di ordine di espulsione, è stato notato dai Carabinieri mentre stava estraendo la tessera bancomat dallo sportello automatico, dopo aver effettuato numerosi prelievi. A seguito degli accertamenti, i carabinieri hanno scoperto che la carta bancomat era stata rubata da una coppia di veronesi proprio ieri mattina.

Ad insospettire gli equipaggi del radiomobile sono stati il cappellino e gli occhiali da sole oltre all'atteggiamento e in particolare il gesto di stizza fatto dall'individuo quando, probabilmente terminato il plafond giornaliero, l'erogatore di banconote lo ha lasciato a mani vuote. Il siriano, sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di 1.500 euro, frutto dei prelievi fatti a discapito delle vittime a cui sono stati poi restituiti.

Il trentottenne è stato arrestato per indebito utilizzo di carta bancomat e dovrà rispondere anche di ricettazione. In attesa del processo per direttissima, l'uomo rimane in camera di sicurezza a disposizione dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

Torna su
VeronaSera è in caricamento