rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Arrestato un 41enne, il "mister truffa" da 30 milioni di euro

Per l'uomo, latitante da due anni, sono scattate le manette ieri all'aeroporto di Malpensa

È accusato di essere la mente di una truffa da trenta milioni di euro il 41enne, arrestato dalla polizia di frontiera all’aeroporto di Malpensa, appena sbarcato da un volo proveniente dalla Repubblica Dominicana, dove si era rifugiato. L'uomo era latitante dal 2008, quando la guardia di finanza aveva chiuso un’indagine legata al fallimento di un’azienda di Montecchia di Crosara, la Mondialfruit, eseguendo quattro arresti per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, frode fiscale e bancarotta fraudolenta. Solo un uomo, il 41enne appunto, ritenuto il capo dell’organizzazione, era sfuggito alla cattura riparando all’estero.

Ora, grazie all’interscambio di informazioni tra i finanzieri italiani e le altre forze di polizia, l’indagato è stato individuato al suo rientro in Italia e portato in carcere, a Busto Arsizio. L’indagine era scattata nel 2008 quando improvvisamente la Mondialfruit e altre nove aziende collegate, in realtà società di comodo create a incastro proprio dal soggetto, secondo l’accusa avevano cessato improvvisamente di rimborsare i fidi per un totale di trenta milioni di euro che erano stati concessi da trantaquattro istituti di credito.


Secondo le Fiamme Gialle, le società collegate avevano il ruolo di cartiere per rendere credibile l’attività di Mondialfruit e consentire la fuga di capitali all’estero. Nel corso dell’inchiesta la guardia di finanza aveva già sequestrato circa quattro milioni di euro di patrimonio tra quote societarie, immobili, attrezzature d’ufficio, denaro contante e automobili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato un 41enne, il "mister truffa" da 30 milioni di euro

VeronaSera è in caricamento