Cronaca Veronetta / Via XX Settembre, 20

Arrestato ieri extracomunitario ricercato per furto aggravato

Nonostante le difficoltà dovute alle diverse identità del ricercato, la Squadra Mobile ieri ha proceduto all'arresto dopo lunghi appostamenti e pedinamenti a seguito di una soffiata confidenziale.

Nella mattinata di ieri, gli agenti della Squadra Mobile hanno arrestato un cittadino marocchino 31enne, in Italia senza fissa dimora, destinatario di un Ordine di Carcerazione della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Verona, Ufficio Esecuzioni Penali, ricercato per la pena di otto mesi di reclusione per furto aggravato. La ricerca del ragazzo, (pregiudicato per furto, detenzione e spaccio di stupefacenti, oltraggio e resistenza a pubblico Ufficiale, occupazione abusiva di abitazione, contravventore espulsione ed altro) si presentava molto difficoltosa a causa della mancanza di un qualsiasi domicilio e documento d’identità. Il pregiudicato si serviva inoltre di diverse identità fasulle per muoversi ed operare nel territorio, confondendo ulteriormente l'attività investigativa degli agenti. Per diversi giorni il personale della Squadra Mobile ha perlustrato tutta la città, anche nelle ore serali e notturne, per individuare l'uomo, portando sempre con sé la foto segnaletica, ma di lui nessuna traccia. La svolta nelle indagini si è avuta quando una fonte confidenziale ha riferito che l’uomo era solito aggirarsi nella zona di Veronetta e nelle stradine limitrofe; non a caso infatti, dopo ulteriori controlli della polizia, che ha portato avanti diverse azioni di pedinamento e appostamento, con controlli anche in abitazioni abbandonate, il ricercato è stato individuato in via XX Settembre, mentre stava salendo velocemente su di un autobus, proprio per sfuggire al controllo. Immediatamente bloccato, è stato dichiarato in arresto e successivamente internato presso il Carcere di Verona Montorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato ieri extracomunitario ricercato per furto aggravato

VeronaSera è in caricamento