menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ricercata per reati finanziari in Bosnia, viene arrestata a Mezzane

In manette imprenditrice di 48 anni che dovrà scontare cinque anni di reclusione in madrepatria appena completato il processo di estradizione. Dopo giorni di indagine è stata trovata nel Veronese sotto falso nome

Il discorso che si può fare è sempre quello: in tutti i Paesi tranne che nel nostro i reati finanziari vengono puniti ferocemente da magistratura e polizia. Forse un "luogo comune" che, però, è molto probabile si faccia largo tra i pensieri riguardo all'ultimo arresto dei carabinieri di Verona. Accusata, appunto, di reati finanziari, il 10 luglio è stata arrestata un'imprenditrice 48enne di origine bosniaca.

I militari del Comando provinciale, dopo giorni di indagini, sono riusciti a localizzarla a Mezzane di Sotto. Su di lei, operante nel settore calzaturiero, pendeva un mandato di arresto internazionale emesso dal Tribunale bosniaco. La 48enne, scoperta in paese sotto falso nome, sarà estradata in madrepatria, appena pronta tutta la documentazione, dove dovrà scontare cinque anni di reclusione.

AGGIORNAMENTO: L'imprenditrice 48enne comunica che "l'arresto è stato revocato subito dalla Procura bosniaca ed è stata assolta perchè il reato non sarebbe stato mai compiuto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento