Con il lockdown in Veneto sono calati biossido di azoto e Pm10 nell'aria

Lo afferma un rapporto stilato da Arpav che valuta gli effetti delle misure anti Covid-19

Centralina Arpav a San Giovanni Lupatoto - immagine d'archivio

Il rapporto di Arpav estende ed aggiorna al 31 maggio 2020 la precedente valutazione degli effetti sulla qualità dell’aria delle misure per l’emergenza Covid-19 in Veneto. È stato verificato quanto il lockdown abbia inciso sui due inquinanti atmosferici principali: il biossido di azoto (NO2) e le polveri Pm10. La valutazione è stata effettuata utilizzando un triplice approccio: l’analisi delle concentrazioni degli inquinanti misurate dalle stazioni di monitoraggio per la qualità dell’aria di Arpav; la stima delle variazioni delle emissioni inquinanti dei settori interessati dalle restrizioni del lockdown; l’analisi delle concentrazioni stimate dal sistema modellistico SPIAIR utilizzato in Arpav per la previsione e la valutazione dell’inquinamento atmosferico.

Scarica il Report Covid-19 effetti lockdown - Arpav

L’effetto delle misure di restrizione, che hanno comportato la riduzione delle emissioni in particolare per alcuni settori emissivi chiave, tra cui in primis i trasporti, è stato evidenziato da una riduzione, ben visibile, delle concentrazioni di biossido di azoto durante le fasi 1 e 2, rispetto a quanto mediamente monitorato nel quadriennio precedente. Per quanto riguarda il Pm10, la valutazione dell’effetto del lockdown sulle concentrazioni delle polveri sottili, risulta di più difficile quantificazione in quanto si tratta di un inquinante costituito, sia da una frazione primaria direttamente emessa, sia da una frazione secondaria dovuta alla trasformazione di altri inquinanti gassosi in particolato sottile. I fenomeni che avvengono in atmosfera e che portano alla formazione del Pm10 sono molteplici e complessi e spesso le condizioni meteorologiche rivestono un ruolo preponderante nel determinare variazioni, sia stagionali che giornaliere, delle concentrazioni di tale inquinante.

Considerando l’intero periodo in analisi, dall'1 marzo al 31 maggio, si è stimato, che le condizioni di restrizione delle attività antropiche abbiano comportato un risparmio dell’emissione di circa 5 mila tonnellate di NOx e di circa 150 tonnellate di polveri Pm10 primarie. Questi quantitativi corrispondono rispettivamente al 28% e al 5% delle emissioni che si sarebbero avute da tutti i settori emissivi in Veneto nel periodo in esame.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Report Covid-19 effetti lockdown in Veneto - fase 2

Report Covid-19 effetti lockdown in Veneto - fase 2

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento