menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri con l'arma bianca sequestrata all'uomo

I carabinieri con l'arma bianca sequestrata all'uomo

Armato di coltello, rapina 2 turisti: fermato mentre sale sulla sua Porsche

Avrebbe messo a segno il colpo al porto di Pacengo nella mattinata di Ferragosto, ma i carabinieri lo avrebbero rintracciato poco dopo, trovandolo in possesso della refurtiva e dell'arma bianca

Avrebbe rapinato due turisti tedeschi nella mattinata di Ferragosto, così i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Peschiera del Garda hanno tratto in arresto C.H., cittadino austriaco classe 1964, coniugato e nullafacente. 

Secondo quanto riferito dall'Arma, una pattuglia del Nor stava svolgendo il consueto servizio perlustrativo, quando è stata inviata al porto di Pacengo di Lazise dall'operatore della centrale operativa, dove erastata segnalata una rapina ai danni di due cittadini stranieri. 

Arrivati sul posto, i militari hanno ascoltato le vittime e alcuni testimoni, per ricostruire il fatto denunciato. Stando a quanto raccolto dalle forze dell'ordine, i due turisti tedeschi si erano recati al porto di Pacengo per per fare colazione, sfruttando l'occasione per scattare alcune fotografie del posto con i loro smartphone. In quel frangente però hanno notato un uomo alto, robusto e calvo, vestito solo con i pantaloni e scalzo, che successivamente verrà identificato come C.H.. Quest'ultimo, dopo aver parcheggiato la propria Porsche 911, avrebbe iniziato a passeggiare nella piazzetta del porto con un atteggiamento strano, perché, appena i due tedeschi erano arrivati, avrebbe iniziato a seguirli e a girarli attorno. 
Ad un certo punto l'individuo si sarebbe avvicinato ai due malcapitati e, con fare minaccioso, avrebbe puntato contro di loro un coltello a serramanico, intimando di consegnargli i telefoni cellulari. Spaventati, i turisti avrebbero eseguito gli ordini del malfattore, che poi si sarebbe allontanato in direzione del vicino Eurocamping. 

Appresa la dinamica, i carabinieri si sono messi subito sulle tracce di C.H., che è stato rintracciato pochi momenti dopo mentre si stava avvicinando alla propria auto. L'uomo non si sarebbe accorto della presenza delle forze dell'ordine e stava per salire a bordo del veicolo per allontanarsi, quando è stato bloccato. Riconsociuto da vittime e testimoni, è stato identificato e sottoposto a perquisizione personale, che ha permesso di portare alla luce i cellulari sottratti e un coltello a serramanico della lunghezza di 22 centimetri: l'arma è stata sequestrata e i due dispositivi sono stati restituiti ai proprietari. 
I successivi accertamenti dei carabinieri, avrebbero inoltre permesso di appurare che le targhe associate alla vettura dell'austriaco, erano gravate da segnalazione di ricerche e richiesta di sequestro da parte della polizia austriaca, che è stata quindi eseguita.

Arrestato in flagranza dei reati di rapina aggravata e possesso ingiustificato di arma da taglio, in seguito ai rilievi fotografici e dattiloscopici, C.H. è stato portato nel carcere di Montorio a disposizione dell'autorità giudiziaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento