Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

La donna, impiegata di banca, si è spenta a 37 anni nell'ospedale di San Bonifacio, dopo aver lottato per quattro anni contro un adenocarcinoma

Arianna Fin (a destra) con la sua famiglia (Foto Facebook)

Si è svolto questa mattina, 27 giugno, alle 10, nel Duomo di Cologna Veneta, il funerale di Arianna Fin. La donna, impiegata di banca, si è spenta a 37 anni mercoledì scorso nell'ospedale di San Bonifacio, dopo aver lottato per quattro anni contro un adenocarcinoma. Il suo corpo, dopo la funzione religiosa, è stato accompagnato al cimitero di Pressana, dove Arianna è stata sepolta.

E proprio le comunità di Cologna Veneta e di Pressana sono quelle rimaste maggiormente colpite da questo triste lutto. Arianna Fin era originaria di Caselle di Pressana e si era trasferita con il marito Valeriano Lora a Cologna dopo la nascita delle figlie Benedetta, 6 anni, e Vittoria Maria, 4 anni. Bimbe a cui il papà ha dovuto raccontare che la mamma è volata in cielo e che ora veglierà su di loro come un angelo.
Oltre al dolore, tra i familiari e gli amici di Arianna e Valeriano ci sono anche sconcerto ed incredulità. Anche ieri, durante il rosario, c'era chi ancora non riusciva a rendersi conto che tutto era davvero successo, che Arianna non ci fosse più.

Una donna solare e sempre col sorriso sulle labbra, così viene descritta Arianna Fin da una sua conoscente. «Quella di Valeriano e Arianna era una coppia da far invidia», prosegue. E davvero non si riesce a trovare una spiegazione al fatto che una famiglia così debba essere toccata da una perdita tanto dolorosa. 
Valeriano e Arianna si erano conosciuti da giovanissimi. Lui, appassionato di ciclismo, ha corso con la Fdb di Cologna Veneta e poi è diventato agente della polizia locale di Sossano, nel Vicentino. Lei ha studiato economia all'università e poi ha trovato lavoro in banca. Un coppia che è sempre rimasta unita, benedetta dopo il matrimonio del 2011 dalla nascita di due splendide bambine. Una coppia che è sempre rimasta unita anche nel dolore di una malattia che ha lasciato subito poche speranze, fin dalla prima diagnosi del 2016. A quelle speranze, però, tutti si erano aggrappati, fino al triste epilogo di mercoledì scorso.

Arianna Fin si è spenta ed ora vive nei ricordi di chi le ha voluto bene. Ricordi che dovranno essere trasmessi anche a Benedetta e Vittoria Maria, che così potranno conoscere meglio la loro mamma. Una madre generosa anche nell'addio, visto che la famiglia ha acconsentito alla donazione delle cornee.

arianna fin-2
(Arianna Fin)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

Torna su
VeronaSera è in caricamento