rotate-mobile
Cronaca Zai / Viale del Lavoro

Dopo Vinitaly, aperto anche Sol&Agrifood per promuovere il made in Italy

Proprio dal salone internazionale dell'agroalimentare di qualità il ministro Martina ha lanciato una campagna per l'olio extravergine di oliva

È partita da Sol&Agrifood la campagna di comunicazione istituzionale per la promozione dell'olio extravergine di oliva. Il ministro Maurizio Martina ha scelto il salone internazionale dell'agroalimentare di qualità, aperto oggi, 10 aprile, a Verona, per dare l'annuncio dell'avvio dell'iniziativa a fine mese. "Per noi - ha detto oggi Martina alla cerimonia ufficiale di inaugurazione della fiera - l'appuntamento veronese è una tappa obbligata, dove sviluppare idee di prospettiva e lanciare progetti".

Testimonial della campagna, la food blogger Chiara Maci e gli chef Antonino Cannavacciuolo e Davide Oldani. "Con i suoi circa 300 espositori - ha detto il presidente di Veronafiere Maurizio Danese - Sol&Agrifood si sta sempre più connotando come un sistema di servizi per la promozione e l'internazionalizzazione delle migliori produzioni made in Italy, sul modello di Vinitaly. La sua forza è quella di mettere in contatto le aziende con i buyer, facendo nel contempo cultura del prodotto".

"Si tratta di una fiera di riferimento su cui noi investiamo, perché dà una connotazione precisa all'olio extravergine di oliva e al resto dell'agroalimentare italiano - ha detto il direttore generale di Ice Piergiorgio Borgogelli - Per questo costituisce un'attrazione per i buyer da portare in Italia che noi selezioniamo tra i distributori e i retailer di alta gamma nei mercati più interessanti".

Sol&Agrifood ed Enolitech 2017 (Foto Ennevi - Veronafiere)

Portare gli operatori in Italia è proprio una delle richieste della filiera olivicola olearia. "Averli qui - ha affermato il presidente della filiera David Granier - significa avere l'opportunità di fare story telling, cioè spiegare, partendo dal territorio, la distintività della produzione oleicola italiana".

Nel 2016, gli operatori del trade presenti a Sol&Agrifood sono stati 56mila, dei quali 14mila provenienti da 82 Paesi. Quest'anno alle delegazioni di buyer invitati in fiera attraverso le attività di incoming di Veronafiere e Ice si aggiunge un'iniziativa mirata su Taiwan con 15 operatori tra importatori e chef con lo scopo di creare ambasciatori del made in Italy nel mondo.

I paesi di provenienza dei buyer coinvolti sono: Usa, Danimarca, Germania, Giappone, Austria, Singapore, Regno Unito e Francia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo Vinitaly, aperto anche Sol&Agrifood per promuovere il made in Italy

VeronaSera è in caricamento