Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anziani derubati mentre prelevano al bancomat: tre banditi in manette

Il trio avrebbe messo a segno 14 colpi, quasi tutti nel Veronese a parte 2 che sarebbero stati compiuti a Roma. I carabinieri di Parona Valpolicella hanno raccolto le denunce e le testimonianze delle vittime, riuscendo infine ad individuare i presunti responsabili

 

Tre cittadini francesi, nella mattinata di venerdì, sono stati arrestati dai carabinieri della stazione di Parona Valpolicella, in esecuzione della misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Verona, per una serie di furti seriali ai danni di anziani. Le indagini hanno preso il via nel settembre 2019, quando sono giunte ai militari diverse denunce di furto da parte di persone che raccontavano di essere state derubate durante il prelievo di contanti da sportelli bancomat di circa 1500-2000 euro (che rappresenta il massimo prelievo consentito da singola operazione).

Quando gli investigatori hanno ascoltato il racconto delle vittime, hanno notato che il modus operandi dei malviventi era sempre più o meno lo stesso: la scelta della preda ricadeva sempre su individui anziani, possibilmente di sesso femminile, che venivano abilmente distratti subito dopo l’inserimento del codice PIN. A quel punto i ladri, utilizzando una banale scusa come quella di un guasto allo sportello ATM, si frapponevano tra la macchina e la vittima di turno, appropriandosi del denaro erogato per poi scappare a bordo di un'auto condotta da dei complici. 

Per ricostruire gli episodi e dare un volto ai malfattori, i carabinieri hanno visualizzato attentamente le immagini delle telecamere di sorveglianza dei bancomat e delle attività economiche vicine alle banche. In questo modo sono riusciti ad individuare l'auto con targa francese e a risalire all'identità degli occupanti: ottenute le relative fotografie, le forze dell'ordine hanno dato il via ad una minuziosa opera di raffronto con le immagini raccolte dai sistemi di videosorveglianza, che avrebbero permesso infine di dare un volto ai tre autori dei furti con destrezza.

Al trio sono stati attribuiti 14 colpi messi a segno quasi tutti nella zona di Verona, a parte 2 che sarebbero stati compiuti a Roma. I gravi indizi di colpevolezza raccolti nei loro confronti nel corso delle indagini, sono stati accolti dal Gip del Tribunale di Verona, che il 12 aprile ha emesso la misura cautelare della custodia cautelare in carcere nei confronti di tutti e tre gli indagati, che sono stato intercettati a Sanremo e Lucca. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento