Cronaca Via Torricelle

Antenne sulle Torricelle, l'area dissequestrata verrà restituita alle emittenti

Dopo il dissequestro, una nuova pronuncia del gip prevede che l'area torni a disposizione delle società radiotelevisive che precedentemente l'avevano in gestione

Un nuovo capitolo della saga "antenne sulle Torricelle" si è aperto, a seguito della pronuncia da parte del gip Livia Magri che dispone la restituzione dell'area alle emittenti che ne avevano la gestione al momento del sequestro avvenuto lo scorso 13 dicembre.

La decisione arriva dopo che qualche giorno prima di Natale, le chiavi del cancello che consente di accedere all’area degli impianti di trasmissione sulla Seconda Torricella Massimiliana erano state consegnate al Demanio, in seguito alla non convalida da parte del gip del sequestro stesso. Ma proprio il Demanio pare non abbia mai voluto rivendicare l'abbandono dell'area da parte delle emittenti, quanto piuttosto ottenere il pagamento del canone per l'occupazione. Proprio perciò il gip ha quindi ora disposto la restituzione alle società radiotelevisive dell'area oggetto di dissequestro.

L'annuncio della riconsegna

L’Agenzia del Demanio in una nota ufficiale divulgata in queste ore informa che «oggi stesso, alle 15.00, procederà alla riconsegna formale della II Torricella Massimiliana, al fine di dare esecuzione al provvedimento da parte del Giudice per le Indagini preliminari Livia Magri che ha disposto la restituzione dell’area ai soggetti che ne avevano la disponibilità al momento del sequestro».

«Così come annunciato precedentemente, - si legge sempre nella nota diffusa dall'Agenzia del Demanio - a seguito delle ultime comunicazioni ricevute dai rappresentanti legali delle controparti in cui era stata formalizzata una disponibilità al pagamento pregresso dovuto per l’occupazione del sito, l’Agenzia ha inoltre proceduto a convocare un incontro per il prossimo 15 gennaio, presso la propria sede dell’Ufficio di Vicenza,  per verificare nel dettaglio la proposta economica avanzata dalle società, valutandone la coerenza con il percorso intrapreso e con l’interesse primario del rispetto della legalità».

Il commento di Flavio Tosi

Un provvedimento che ha visto particolarmente favorevole l'ex sindaco di Verona, nonché esponente della neonata formazione politica Noi con l’Italia, Flavio Tosi. Quest'ultimo sin da subito aveva, infatti, giudicato «eccessivo» il sequestro e l'oscuramento delle emittenti coinvolte: «Ci solleva che il gip Livia Magri abbia disposto di restituire l’area degli impianti di trasmissione sulla Seconda Torricella Massimiliana alle emittenti radio-televisive "oscurate" il 13 dicembre scorso. - ha commentato Flavio Tosi - Non posso che esprimere una certa soddisfazione data la decisione del gip, che ha confermato la nostra impressione iniziale. Eravamo infatti stati gli unici a definire eccessivo il provvedimento di sequestro disposto dal pm, proponendo una soluzione di buon senso, anziché decisioni draconiane che avrebbero danneggiato aziende e lavoratori e privato i cittadini di un diritto fondamentale quale quello dell'informazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antenne sulle Torricelle, l'area dissequestrata verrà restituita alle emittenti
VeronaSera è in caricamento