Il professor Andrea Crisanti si vaccina contro il coronavirus: il video dall'ospedale

Il professor Crisanti ha ribadito: «Non sono mai stato contrario, il vaccino è sicuro»

 

Nel corso della giornata di sabato 2 gennaio, si è sottoposto alla vaccinazione contro il coronavirus Sars-CoV-2, all'ospedale di Padova, il professor Andrea Crisanti. Durante i mesi scorsi avevano fatto molto discutere alcune sue valutazioni circa l'opportunità o meno di eseguire il vaccino, ma il professor Crisanti aveva altresì sempre tenuto a precisare di voler solo «conoscere i dati» prima di sottoporvisi: «Non sono mai stato contrario. - ha ribadito ieri Crisanti poco prima di sottoportsi al vaccino - Avevo solo detto che aspettavo di avere informazioni scientifiche. C'è stato qualche problema di trasparenza, ma è stato poi risolto con la condivisione dei dati, quindi è tempo di testimoniare con consapevolezza che siamo a un momento di svolta. I vaccini sono sicuri, ci sono e ci saranno diverse tipologie di vaccinazione».

Nel frattempo la macchina sanitaria avrebbe peraltro nelle scorse ore accelerato il programma delle inoculazioni. Finora in Veneto, secondo quanto comunicato dal presidente Luca Zaia, sono state somministrate già 11.026 delle 45.630 dosi di vaccino ricevute, vale a dire circa il 24%. Nella singola provincia di Verona, sono state eseguite sin qui 90 dosi di vaccino dal'azienda ospedaliera universitaria integrata ed altre 856 complessivamente nell'ambito del territorio e delle strutture di competenza dell'Ulss 9 Scaligera.

La vaccinazione per il professor Crisanti è avvenuta in diretta streaming, segnale ulteriore di quanto il professore abbia voluto sensibilizzare anche l'opinione pubblica: «Avrei preferito una "cerimonia" più sobria, - ha spiegato Crisanti - ma mi rendo conto che il momento è particolare e che forse serve qualche parola per spiegare quanto stiamo facendo. Siamo di fronte a un momento di svolta, il vaccino è sicuro. Qualcuno magari potrà sviluppare un dolore al braccio, febbre o reazioni allergiche dopo il vaccino, ma voglio tranquillizzare tutti: io sono "allergico", ma me lo faccio. Ci auguriamo tutti quanti che ci sia la massima adesione perché è fondamentale per bloccare la trasmissione».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento