Coronavirus e aumento dei casi positivi in Europa: «Sono un campanello d'allarme»

Crisanti: «Potrebbe essere benissimo che stiamo facendo una grandissima sottostima»

Il professor Andrea Crisanti

L'aumento di casi di positività al coronavirus in Europa «penso che sia un campanello d'allarme». Così secondo quanto riportato dall'Ansa si sarebbe espresso Andrea Crisanti, professore di Microbiologia dell'Università di Padova. «L'Italia non è in una bolla che in qualche modo ci protegge - avrebbe quindi affermato ancora il professor Crisanti - e poi rimane il fatto che non sappiamo le ragioni della differenza» circa i numeri di positività rispetto all'Europa.

«Perché nel resto d'Europa i casi aumentano e in Italia no? Non sappiamo se questo è un problema», avrebbe aggiunto Andrea Crisanti sottolineando che «la scienza è misura, ma purtroppo si misura quello che uno vuole. Non è di fatto obiettiva, dipende, purtroppo, da quello che si misura. Quindi se noi non misuriamo i casi in maniera corretta - avrebbe infine concluso il professor Andrea Crisanti - potrebbe essere benissimo che stiamo facendo una grandissima sottostima».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento