menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Amia, parte dai Giardini Pravadal la disinfestazione delle piante

Controllare i parassiti delle piante è l'intento con il quale Amia realizzata la nuova campagna "Controllo biologico degli afidi della rosa e degli alberi"

Filo conduttore dell’intervento l'impiego di tecniche, mezzi, accorgimenti esclusivamente biologici e naturali. Tra i vari problemi da affrontare per la cura e la gestione del verde, Amia si ritrova a controllare la  comparsa, nelle aiuole e sugli alberi dei nostri viali, degli afidi, o più comunemente, pidocchi. Anche quest’anno infatti, passeggiando lungo le Regaste S.Zeno o in piazza Pradaval,  si può notare che le rose sono infestate dall’afide e con popolazioni particolarmente numerose. Lo stesso lo si può notare sulle piante di liriodendri di Lungadige Porta Vittoria dove, con l’avanzare della stagione, diventa ospite dell’ Illinoia liriodendri proprio l’afide, specifico di questo albero.  

L’intervento previsto per le rose, coltivate negli spazi di verde urbano gestito da Amia,  e per i liriodendri sarà quindi in linea con questa campagna di controllo biologico. Per quanto riguarda i roseti, si prevede il lancio di un congruo numero di individui di  Chrysoperla carnea e della coccinella Adalia bipunctata; mentre nel caso dei liriodendri si procederà con il lancio del dittero sirfide Ephysirfus balteatus o del parassitoide Aphidius colemani. Si  tratta di nemici naturali degli afidi comunemente presenti nei nostri ambienti e facilmente  osservabili sui germogli di piante infestate da afidi. Tuttavia la loro presenza in città è piuttosto limitata, essendo pochi i ripari in cui possono sopravvivere. Di qui la necessità di introdurli in modo massiccio, acquistandoli presso una biofabbrica e liberandoli nelle aiuole e sugli alberi infestati. Si provvederà a praticare una sorta di trattamento insetticida che, al posto della molecola chimica, utilizza il naturale nemico dell’afide. Appena liberati la crisopa, la coccinella e il sirfide  cercheranno attivamente gli afidi e se ne nutriranno. Inoltre, la presenza di cibo indurrà gli adulti di questi insetti a riprodursi garantendo così un effetto “aficida” anche nel tempo.

L’effetto che si otterrà sarà una veloce decrescita degli afidi fino ad una loro quasi scomparsa a tutto vantaggio delle nostre piante e della salute dell’ambiente. “Grazie alla collaborazione con AGREA – spiega il presidente di Amia Verona, Stefano Legramandi - è stato possibile realizzare questa prima ed esclusiva, campagna biologica caratterizzata da un intervento esclusivamente naturale e per nulla invasivo. Nella sua concezione più classica infatti, la lotta biologica consiste proprio nella conservazione e nell’uso degli antagonisti naturali esistenti nell’ambiente, con l’obiettivo di controllare i parassiti per mantenerli entro limiti inferiori alle soglie di danno. Essa può essere applicata attraverso due linee di azione fondamentali: la protezione e il potenziamento degli antagonismi presenti in natura o attraverso l’introduzione nell’ambiente di agenti biotici che, inserendosi nell’ecosistema, ne divengono forza regolatrice di controllo, in molti casi durevole nel tempo, come nel  nostro caso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento