menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ambrosini presenta la via crucis in dialetto

Ambrosini presenta la via crucis in dialetto

Ambrosini presenta la via crucis in dialetto

La rappresentazione si terr sabato 5 giugno nel piazzale della basilica di San Zeno

Stamattina, al Palazzo Scaligero, l'assessore alla Cultura e Identità Veneta Marco Ambrosini ha presentato “La Via Dolorosa e la Resurrezione”, la rappresentazione sacra in lingua dialettale veronese che si terrà sabato 5 giugno  nel piazzale antistante la basilica di San Zeno.

L’evento è promosso dall’assessorato alla Cultura e Identità Veneta della Provincia di Verona in collaborazione con il Comune di Verona ed il Progetto Culturale della Diocesi di Verona, realizzato grazie al contributo della Regione Veneto.

“Il tema de “La Via Dolorosa” è stato sviluppato nel nostro dialetto perché la drammaticità di questo grande evento venga rivissuto e concepito dai veronesi in modo profondo –ha detto l’assessore Ambrosini- E quale modo migliore di rappresentarla se non la lingua delle nostre radici, quella più intima e diretta per comunicare nella nostra quotidianità oggi, usata anche nel modo di pregare all’inizio del secolo scorso dai nostri antenati”.

La sacra rappresentazione è curata dal Cenacolo dei poeti dialettali “Berto Barbarani” con la partecipazioni di 11 cori della provincia di Verona, coordinati dal maestro Graziano Guandalini. Saranno eseguiti 15 testi poetici in dialetto veronese per le 15 Stazioni della Via Crucis (le 14 classiche della tradizione cattolica più una finale dedicata al tema della resurrezione), scelti da una giuria qualificata in un concorso curato dal Cenacolo nel 2000, che ha visto la partecipazione di oltre cento poesie. Ad ognuna delle Stazioni sarà attribuito un testo poetico, uno strumento musicale intonerà le note del ritornello e il coro eseguirà la composizione poetica musicata.


Lo svolgimento della rappresentazione avvenne la prima volta nove anni fa, il 23 marzo del 2001,
nella cattedrale di Verona, poi trasmessa in mondovisione dall’emittente “TelePace” il 14 aprile successivo, ottenendo un grande consenso dal pubblico e in particolare dai Veneti residenti all’estero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento