Maltempo, cominciata conta dei danni. «Conservate la documentazione»

Per i cittadini privati colpiti dal nubifragio, l'avvertimento è di conservare le foto dei danni subiti e le eventuali fatture degli interventi già effettuati

(Foto di repertorio)

L'allerta meteo prosegue fino a giovedì, 11 giugno. La protezione civile ha confermato per Verona e provincia lo stato di allerta gialla anche per i prossimi due giorni, con il rischio di fenomeni temporaleschi di forte intensità.

Dopo il violento nubifragio che ha colpito la città Verona sabato sera e nel pomeriggio di ieri, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha chiesto lo stato di crisi, sia per la zona veronese che per quella di Treviso, anch'essa colpita dal maltempo di questi giorni. Il decreto regionale sarà trasmesso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri al fine di richiedere l'eventuale dichiarazione dello stato di emergenza, che permetterebbe ai Comuni danneggiati dal maltempo degli ultimi giorni di avviare le relative procedure di richiesta danni.

Anche il Comune di Verona sta facendo la conta dei danni. Già domani i tecnici di Acque Veronesi e quelli degli uffici comunali saranno in grado di quantificarli, mentre venerdì sarà la volta di Palazzo Barbieri, con indagini telescopiche per certificarne lo stato di salute e gli interventi eventualmente necessari.

Per i cittadini privati colpiti dal nubifragio, l'avvertimento è di conservare la documentazione fotografica dei danni subiti e le eventuali fatture degli interventi già effettuati. Tale materiale non deve essere per ora inviato a nessun ufficio ma sarà indispensabile qualora venisse emanato il decreto del Presidente del Consiglio sullo stato d'emergenza e quindi con il successivo stanziamento di fondi.
Come già accaduto in occasione del nubifragio del 2018, il Comune darà le informazioni ai cittadini quali procedure seguire per la raccolta della documentazione e la richiesta di risarcimento.

«Non sappiamo ancora quale sarà la risposta del Governo né la tempistica, ma in ogni caso è meglio farsi trovare pronti qualora venisse emanato il decreto per lo stato di emergenza - ha detto il sindaco Federico Sboarina durante il punto stampa in streaming - Anche il Comune, per la parte pubblica, sta facendo la conta dei danni subiti, domani avremo i risultati delle verifiche attuate dagli uffici comunali, venerdì le indagini saranno sul palazzo del municipio. Ricordo ai cittadini che per ottenere eventuali risarcimenti, come già accaduto nel 2018, è fondamentale documentare nel dettaglio i danni subiti, nelle case come nelle cantine, nei negozi come nelle aree di proprietà. Non siamo gli unici in Veneto ad essere stati colpiti così pesantemente dal maltempo, tant'è che il presidente Zaia ha chiesto al Governo che sia emanato lo stato di crisi per quanto accaduto e per quanto, purtroppo, potrà ancora accadere. Nonostante la nostra città risulti in allerta gialla, dobbiamo preparaci ed essere pronti ad intervenire nell'immediato, perché non possiamo prevedere dove la bomba d'acqua andrà a colpire. Ieri, alle 14, un altro nubifragio ha messo in difficoltà parte della nostra città, ma grazie all'intervento tempestivo delle squadre di Acque Veronesi siamo riusciti a far defluire subito l'acqua evitando allagamenti all'interno di bar e negozi. L'attenzione è altissima ed è stato organizzato un coordinamento dalla Prefettura, con tutti gli attori coinvolti nell'emergenza, dalle forze dell'ordine alla squadre della protezione civile, di Acque Veronesi e di Amia. In caso di necessità possiamo intervenire anche in via preventiva, raggiungendo subito le zone che presentano più criticità. I lavori già programmati a partire da settembre risolveranno definitivamente i problemi riscontrati a Porta Borsari e Veronetta. Tuttavia ci sono interventi che non possono più aspettare e che pagano il prezzo di una rete fognaria vecchia cinquant'anni e che non è mai stata oggetto di lavori. Per queste zone, penso ad esempio alla parte finale di via XX Settembre, programmeremo dei lavori ad hoc da effettuare il prima possibile. Dopo tre mesi di tutt'altra emergenza, questa crisi ci penalizza proprio nella fase della ripartenza».

E a margine del punto stampa di oggi, il sindaco ha annunciato per le prossime ore un incontro in videoconferenza con il presidente del Coni Giovanni Malagò. Lo sguardo è alle Olimpiadi del 2026, con Verona che si è aggiudicata la cerimonia conclusiva dei giochi in Arena. Ma i temi sul tavolo sono molti e riguardano soprattutto la ripartenza di tutto il mondo sportivo, da quello amatoriale a quello professionale. «Dopo tre mesi di stop totale, la voglia di riprendere allenamenti e competizioni è tanta - ha detto il sindaco - Io stesso l'ho verificata di persona sabato scorso, quando ha voluto incontrare la campionessa olimpica Federica Pellegrini alla piscina del centro federale in via Galliano, dove si allena con i compagni della nazionale italiana. Un incontro simbolico, per dare un messaggio di fiducia a tutti gli sportivi veronesi e in particolare ai giovani. Anche lo sport può e deve ripartire, l'importante è farlo in sicurezza. Ma come per ogni settore, servono indicazioni chiare e tempi certi. Lo sport rappresenta una componente importante per la nostra città dal punto di vista sociale ma anche economico, con un indotto di cui il territorio non può fare a meno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

Torna su
VeronaSera è in caricamento