Cronaca Borgo Trento / Piazzale Aristide Stefani

Borgo Trento. Il Pronto Soccorso fa il pieno di persone colpite dal caldo torrido

Sono più di 40 i casi di persone che si sono presentate all'Ospedale di Borgo Trento in preda a colpi di caldo, febbre alta o stato quasi comatoso. Due pazienti sono persino stati ricoverati in rianimazione

Caldo e sole costanti non sono soltanto il sintomo di una tra le estati più afose di sempre, ma se non si adottano le misure precauzionali necessarie, possono rivelarsi un vero pericolo per la salute. Specie negli anziani, o nelle persone che vivono da sole, il rischio è sempre quello di sottovalutare l’importanza in questi casi di mantenere una giusta alimentazione, idratandosi frequentemente.

Non a caso, l’ospedale di Borgo Trento si è visto intasare il pronto soccorso da un numero elevato di pazienti allo stremo delle forze, alcuni in preda a febbre e malori, a causa proprio dell’arsura delle scorse giornate. Come riportato dall’Arena, il dottor Giorgio Ricci racconta: “Tre giorni fa abbiamo contato 42 persone arrivate tra la serata e le due di notte alla ricerca di refrigerio, oltre che di soccorso per malori legati al caldo insopportabile. Due sono arrivati con la febbre alta, quasi in coma, e sono stati ricoverati in Rianimazione”.

Si tratta molto spesso di persone anziane e che non hanno nessuno che le segua, nella vita di tutti i giorni, controllando soprattutto che bevano acqua a sufficienza. Il rischio è naturalmente ancora più elevato, nel caso in cui i soggetti presentino malattie specifiche. Sempre intervistato dall’Arena, il direttore Giorgio Ricci spiega in proposito: “Se soffrono di patologie come il diabete e l'ipertensione, poi, è necessario far ricalibrare le loro terapie giornaliere dal medico di base. Ma è fondamentale evitare la disidratazione e l'eccesso di calore che il fisico di un anziano fatica a smaltire”.

Oltre alla climatizzazione degli ambienti, è dunque indispensabile, per evitare malori dovuti al caldo, una costante idratazione e, inoltre, può essere considerata buona norma, quella di provvedere alla regolare misurazione della propria temperatura corporea. Ad ogni modo, nell’arco dei prossimi giorni, le temperature dovrebbero scendere, così come si spera anche i casi di ricovero ospedaliero dovuti all’afa cittadina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo Trento. Il Pronto Soccorso fa il pieno di persone colpite dal caldo torrido

VeronaSera è in caricamento