Ubriaco al pronto soccorso, aggredisce dottoressa ed infermiere

È un trentenne di origine albanese, al momento solo denunciato per interruzione di pubblico servizio. Il fatto è avvenuto l'altra notte al Fracastoro di San Bonifacio

Foto di repertorio

Era convinto di non essere stato curato bene, ma soprattutto era ubriaco e quando ha dato in escandescenza ha minacciato una dottoressa, ha colpito con un calcio sullo stinco un infermiere, ha rovesciato ciò che gli è capitato tra le mani ed ha rotto un termometro e la protezione id plexiglass della manichetta antincendio. È successo nella notte tra l'altro ieri e ieri, 8 e 9 giugno, poco dopo le 2.30, al pronto soccorso dell'ospedale Fracastoro di San Bonifacio. L'aggressore è un trentenne di origine albanese, al momento solo denunciato per interruzione di pubblico servizio, ma potrebbe rispondere anche di altro se le vittime lo quereleranno.

L'uomo si era presentato al pre-triage dopo aver alzato troppo il gomito e si è scagliato contro la dottoressa che lo ha visitato. A fare da scudo alla donna si è messo un infermiere che ha ha avuto la peggio. Per lui, la prognosi è di qualche giorno. L'aggressore ha poi messo sottosopra parte del pronto soccorso e solo dopo l'arrivo dei carabinieri è stato possibile calmarlo e riportarlo a casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento