Cronaca Via Guerrino Ortolani

Agenti in borghese bloccano l'auto al semaforo: spacciatore di eroina arrestato

Le forze dell'ordine hanno notato gli strani movimenti di quella Fiat Punto ed è scattato quindi al controllo: a bordo c'erano un 31enne tunisino e due suoi "clienti" che stava rifornendo

Irregolare sul territorio nazionale, disoccupato e con precedenti per spaccio di dorga, è stato arrestato dalla Squadra Mobile di Verona, che lo ha pizzicato ancora una volta con le mani nel sacco: Mohamed Ali Gabsi, 31 anni e di origine tunisina, si trova ora in carcere. 

Era il pomeriggio del 3 febbraio, quando i poliziotti hanno notato una Fiat Punto sospetta con tre persone a bordo, nel corso di alcuni controlli nel quartiere di Borgo Milano. Il veicolo ha attirato l'attenzione degli agenti per essersi fermato in una zona isolata costeggiata dalla vegetazione, dove due passeggeri sono scesi, mentre il terzo ha proseguito per la propria strada, salvo poi tornare indietro dopo pochi minuti a riprenderli. A quel punto il veicolo si è mosso in direzione del quartiere di Santa Lucia e, una volta giunto in via Guerrieri, si è fermato al semaforo rosso. È stato in quel momento che gli agenti in borghese della Squadra Mobile hanno deciso di intervenire bloccando l'auto: Gabsi a quel punto ha tentato una disperata fuga a piedi, scendendo in fretta e furia dalla Punto e gettando via tre confenzioni, che poi si scopriranno contenere in tutto 25 grammi di eroina. Addosso al 31enne sono stati poi trovati 2 cellulari e 900 euro in banconote di diverso taglio, mentre gli altri due passeggeri al termine del controllo hanno affermato di essere clienti "affezionati" per quanto riguarda l'acquisto di eroina (il narco-test eseguito dalla Polizia Scientifica ha inoltre evidenziato l'ottima qualità dello stupefacente sequestrato). 
Conclusi gli accertamenti di rito, Gabsi , è stato condotto presso il carcere di Montorio, come disposto dall'Autorità Giudiziaria, per rispondere del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. L'arresto è stato convalidato dal Gip del Tribunale di Verona, che ha optato per la custodia cautelare all'interno della casa circondariale scaligera. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agenti in borghese bloccano l'auto al semaforo: spacciatore di eroina arrestato

VeronaSera è in caricamento