Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza dei Signori

Rientrata l'emergenza salme. Tregua del caldo e mortalità a livelli normali

I vertici di Agec fanno sapere che la normalità sembra essere ripristinata. La sala d'osservazione del cimitero monumentale non soffre più di sovraffollamento. Il picco di 16-17 morti al giorno è stato superato e ora la situazione è tornata gestibile

Pare essere rientrata, salvo sorprese, l’emergenza salme che negli ultimi giorni aveva causato diversi disagi in città. I posti nella sala d’osservazione al cimitero monumentale, risultati insufficienti a fronte dell’elevato tasso di mortalità riscontrato nelle ultime settimane, tornano a coprire il normale fabbisogno giornaliero. Si è passati dalla media quotidiana di 6-7 morti a un improvviso picco, dovuto all’anomala ondata di caldo hanno spiegato i vertici di Agec, alla quota ingestibile di 16-17 al giorno. Sala d’attesa, all’interno della quale vengono conservati i cadaveri per le visite necroscopiche e osservati per 24 ore nel caso vi fosse qualche risveglio improvviso, completamente gremita e non poche proteste da parte delle onoranze funebri che si sono viste rispedire indietro i feretri. Ma ad oggi il peggio sembra essere passato.

Almeno questa è l’opinione, riportata dall’Arena, del Presidente dell’Agec Galli Righi: “Non ho ricevuto dagli uffici segnalazioni di ulteriori difficoltà. Il picco della mortalità e i problemi contingenti ad esso legati sono stati superati, anche grazie alla tregua dal caldo”. Tuttavia pare doveroso e legittimo domandarsi se, considerato gli spiacevoli inconvenienti procurati dall’insufficienza di posti nella sala d’osservazione del cimitero monumentale, e nonostante la pur sempre viva collaborazione in questo senso con le aziende ospedaliere, non valga comunque la pena organizzarsi per il futuro. Dopotutto il caldo ritorna ogni estate, e già a cominciare da Agosto prossimo sono previste nuovamente temperature similari a quelle torride di luglio. Sul tema, come riferito dall’Arena, è intervenuto sempre il Presidente di Agec, senza tuttavia apparire molto possibilista: “La camera di osservazione è una struttura dotata di particolari apparecchiature e allarmi che non si allestisce dall'oggi al domani. Si può immagine di aggiungere un paio di posti nella sala, ma non per questa estate”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rientrata l'emergenza salme. Tregua del caldo e mortalità a livelli normali

VeronaSera è in caricamento