Adolescenti in fuga. Scappano dall'istituto, trovate dopo quattro giorni a Verona

Venerdì primo maggio quattro ragazzine erano fuggite dall'istituto di recupero per minori di via Sorio, a Padova, facendo perdere le proprie tracce

Dopo quattro giorni di paura, temendo che potesse essere successo qualcosa di grave, quattro famiglie posso finalmente tirare un sospiro di sollievo. Venerdì primo maggio infatti, quattro ragazzine erano fuggite dall'istituto di recupero per minori di via Sorio, a Padova, facendo perdere le proprie tracce.
Le giovani, di 12, 14, 16 e 17 anni, avevano detto alle suore di Villa Mater Bonii Consilii, che sarebbero andate a fare una passeggiata in centro, lasciando nelle rispettive stanze soldi, vestiti e cellulari. Non vedendole rientrare neppure per l'ora di cena, le suore dell'istituto si sono preoccupate e hanno lanciato l'allarme. I carabinieri sono stati allertati verso le 22 e la notizia è stata data anche alle famiglie. Una grande apprensione si è subito diffusa tra parenti ed educatori: quattro ragazzine con una situazione abbastanza delicate erano fuggite e si iniziava a temere che potesse essere successo loro qualcosa di grave. 
Le ricerche dei militari hanno preso immediatamente il via, con la diffusione delle foto delle giovani a tutte le stazioni del Veneto. Così, intorno alle 18.30 di martedì pomeriggio è arrivata la lieta notizia: sono state trovate a Verona, città d'origine di una delle "fuggitive", e sono tutte in ottime condizioni di salute. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento