rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Acque Veronesi: "Otto veronesi su dieci bevono dal rubinetto"

Otto veronesi su dieci bevono l'acqua di rubinetto. Questa è quanto emerge dall'analisi di un questionario effettuato da Acque Veronesi, la società gestisce il servizio idrico

Otto veronesi su dieci bevono l’acqua di rubinetto. Questa è quanto emerge dall’analisi di un questionario effettuato da Acque Veronesi, la società consortile a totale proprietà pubblica che gestisce il servizio idrico integrato a Verona come in altri 72 Comuni della provincia scaligera, nel corso delle tre domeniche ecologiche organizzate dal Comune di Verona in collaborazione con Acque Veronesi, Agsm e Amia in Piazza Erbe. Nell’ambito dell’azione di sensibilizzazione sull’uso consapevole dell’acqua e sul risparmio idrico, Acque Veronesi ha proposto ai cittadini di rispondere ad una serie di domande volte a consentire un’indagine approfondita  sui comportamenti di utilizzo dell’acqua di rete a scopi alimentari.

Dal campione preso in esame (330 cittadini, il 54 per cento delle quali sono donne con il campione più rappresentativo che ha dai 40 ai 65 anni  e proviene soprattutto dai quartieri Centro Storico e Borgo Venezia) l’80 per cento dei veronesi beve acqua del rubinetto, soprattutto perché la percepisce come sicura, controllata periodicamente e buona.  Anche chi ha risposto che non la utilizza con continuità, lo fa per gli stessi motivi di chi la beve sempre. Gli utenti più giovani percepiscono positivamente il fattore dell’economicità, mentre la fascia più adulta ritiene importante la sicurezza dei controlli periodici. Il 48 per cento di coloro che comprano acqua in bottiglia preferisce quella naturale, il 32 per cento acquista acqua gasata, mentre il 20 per cento beve entrambe. 

“Tutti i soggetti – spiega Anna Leso, presidente di Acque Veronesi - si sono avvicinati spontaneamente alla compilazione del questionario dimostrando grande interesse e il 68 per cento dichiara di essere soddisfatto del servizio idrico gestito da Acque Veronesi. Questa è la conferma della bontà del lavoro svolto dall’azienda, mirato a migliorare il servizio, ma anche a far sapere ai cittadini che la nostra acqua è buona, sicura ed economica”. Il dato che emerge dal sondaggio di Acque Veronesi è di poco superiore a quello nazionale. Secondo i numeri che sono stati resi noti da Aqua Italia, l’Associazione che raggruppa le aziende del settore del trattamento dell’acqua, federata ad Anima – Confindustria: il 75,5 per cento degli italiani sceglie la cosiddetta acqua a chilometro zero. Cresce anche la frequenza di utilizzo. Il 46,9 per cento dice di berla sempre o quasi sempre superando nettamente il 40 per cento circa registrato nel 2008. In particolare, il nordest vince la medaglia d’oro per il consumo abituale di acqua del rubinetto con il 61,7 per cento. Maglia nera, invece, per il sud Italia dove il 44,1% non la beve o la beve solo una o due volte l’anno. Secondo Aqua Italia le ragioni che spingono gli italiani ad apprezzare l’acqua del rubinetto sono, in primis, il gusto (27,5 per cento), la comodità di non dover più trasportare casse di acqua dal supermercato fino a casa (25,6 per cento),  il risparmio economico che va dalle trecento alle mille volte rispetto alla bottiglia (21,2 per cento) e i maggiori controlli rispetto alla cugina imbottigliata (17,9 per cento). La ricerca è stata svolta su un campione di 2.030 individui dai 18 anni in su.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acque Veronesi: "Otto veronesi su dieci bevono dal rubinetto"

VeronaSera è in caricamento