Contro l'abbandono indisciminato dei rifiuti nuove telecamere al Porto San Pancrazio

Il Presidente di Amia Miglioranzi: "Per contrastare l'abbandono dei rifiuti e il loro conferimento irregolare abbiamo acquistato nuove apparecchiature, di ultima generazione"

Il Presidente di Amia Andrea Miglioranzi

Le telecamere ad oggi in funzione a Verona per contrastare il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti in strada sono undici e sono collocate in via Spaziani, via Lussino, viale Sicilia, via Ombrone, via Sasse-Castiglione, via Polidore, via Cavalcaselle n. 12, via Col. Fincato n. 53, via Malfer n. 1, via Belviglieri, via Conegliano. Altre due sono in allestimento. Da metà aprile a fine maggio sono stati segnalati all’ufficio di Polizia Municipale del Comune di Verona 120 eventi. La contravvenzione per abuso ambientale dei cittadini residenti a Verona ammonta a € 450,00, per i residenti fuori Verona è di € 900,00.

Nella giornata odierna, venerdì 10 giugno, in via Conegliano al Porto San Pancrazio sono state posizionate nuove telecamere di ultimissima generazione. “Per contrastare l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e il loro conferimento irregolare – dichiara il Presidente Andrea Miglioranzi – abbiamo acquistato nuove apparecchiature, di ultima generazione. Un’idea vincente che ci ha permesso di migliorare in qualità e in quantità i risultati della raccolta differenziata, di promuovere comportamenti ambientali rispettosi e sostenibili, ma anche di contrastare degrado e criminalità.

Dietro il senso di insicurezza e l’incuria si celano comportamenti più o meno gravi che noi dobbiamo responsabilmente arginare e combattere. L’azione di controllo del territorio non può essere condotta solo dal Comune o dalle forze dell’ordine, quindi è stata interessata e coinvolta Amia che anche con la collaborazione attiva dei veronesi è riuscita a fare molto contro la sporcizia e il pattume.

Le telecamere sono alimentate ad energia solare e molto versatili sotto il profilo ottico. Dotate di led a infrarosso per la visione notturna e collegamento via Umts alla centrale operativa con lo scopo di registrare e quindi verificare smaltimenti impropri o sconfinamenti. Verona è stata una delle prime città italiane a dotarsi di un sistema di videosorveglianza ambientale che permette spostamenti veloci e precisi, atti a osteggiare ogni azione illegale e a migliorare l’impatto visivo ed ecologico della nostra splendida città.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Scuola, ecco il calendario per il Veneto: si parte il 14 settembre, si chiude il 5 giugno

  • Orologio da 40 mila euro rubato in gioielleria a Verona: padre e figlio in manette

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento