Renzi a Verona a tutto campo. Sociale, industria, ma anche Castelvecchio

Il premier ha visitato Casa Serena: "I valori sono anche quelli umani, non solo quelli economici". Si è impegnato per far tornare i quadri di Castelvecchio, ma sul terzo mandato per Tosi non si è sbilanciato

Selfie con Renzi a Casa Serena (Fonte foto Facebook Matteo Renzi)

"Non solo Industria 4.0 ma anche sociale, sociale, sociale".

Questo ha scritto ieri su Facebook il presidente del consiglio Matteo Renzi parlando della sua visita a Verona, terminata con l'incontro con gli industriali nell'auditorium della GlaxoSmithKline per presentare il piano di investimenti industriali studiato dal governo.

Ma prima Renzi ha voluto visitare Casa Serena, per dare senso alle sue parole "andare avanti senza lasciare indietro nessuno", ribadite anche su Facebook: "Il mondo va verso una competizione globale, sempre più accesa. Noi non possiamo lasciare indietro nessuno. Ecco perché è cruciale investire sulla cura, sul prendersi cura. Ho visitato la Pia Opera Ciccarelli, una realtà di grande professionalità dove il 73% degli ospiti soffre di Alzheimer o demenza senile. Sono fiero di essere alla guida di un Governo che ha aumentato i fondi per la non autosufficienza, fatto la legge sul Terzo Settore, sull'autismo, sul Dopo di noi. E che dalla legge sullo spreco alimentare fino alla riforma della Cooperazione Internazionale ha dimostrato che i valori di un Paese non sono solo quelli economici, ma innanzitutto quelli umani".

Sul sociale network Renzi ha concluso il suo messaggio con "Viva l'Italia", mentre alla fine del discorso pronunciato all'auditorium della GlaxoSmithKline ha aggiunto anche un "Viva Verona". E non c'erano solo gli industriali ad ascoltare il presidente del consiglio e il ministro Calenda alla prima presentazione di Industria 4.0. C'erano anche le università venete, rappresentate dai loro rettori, perché anche loro faranno parte del piano. Il 30 settembre le università di Verona, Venezia e Padova costituiranno un centro di eccellenza per promuovere i processi di ricerca e innovazione dell'industria, per favorirne la trasformazione e sostenerne la crescita e la competitività.

Gli altri temi affrontati da Renzi a margine della sua visita a Verona non sono comunque marginali e la posizione espressa dal premier è importante. Prima di tutto i quadri rubati a Castelvecchio che ancora si trovano in Ucraina, Renzi ha detto che si occuperà personalmente della vicenda e parlerà con il presidente Poroshenko, perché "è arrivato il momento che i quadri tornino a casa", ha detto il primo ministro. Altro tema è la partita sul referendum per la riforma costituzionale. Renzi ha spinto affinché la maggioranza dei cittadini voti Sì alla sua riforma. Al suo fianco in questa battaglia c'è anche il sindaco di Verona Flavio Tosi, che spera ancora in un regalo da Roma, ovvero una modifica alla legge che impone il limite di due mandati per la carica di sindaco. Tosi spera di poter correre per le prossime elezioni amministrative e sarebbe la terza volta. Su questo però Renzi non si è potuto prendere un impegno preciso nascondendosi dietro un "è il parlamento che decide".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento