Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Villafranca di Verona / Via Angelo Messedaglia

Trecento gioielli non registrati in due compro oro sequestrati dai Carabinieri

I due negozi sono sotto sequestro amministrativo, uno a Villafranca e l'altro a San Giovanni Lupatoto. I militari chiedono la collaborazione dei cittadini per scoprire se si tratta di merce rubata

I Carabinieri di Verona hanno messo sotto sequestro amministrativo due compro oro, della catena Oro & Oro, uno in via Garafoli a San Giovanni Lupatoto e l'altro in via Messedaglia a Villafranca. Entrambi erano gestiti dalla stessa titolare con l'aiuto del figlio. Il sequestro dei militari riguarda anche trecento gioielli che non erano stati registrati. Questa e altre violazioni alla licenza hanno fatto scattare l'operazione delle Fiamme Oro.

Il sospetto è che la merce non registrata servisse per transazioni in nero oppure, peggio ancora, sia provento di alcuni furti. I Carabinieri stanno ancora verificando la provenienza dei gioielli e per questo chiedono la collaborazione dei cittadini

Tutta la merce sequestrata è stata inserita in un database consultabile sui siti internet dei Carabinieri e del Comune di Verona. Sul sito dei Carabinieri, bisogna accedere alla sezione Oggetti Rinvenuti e riempire i campi inserendo la provincia di Verona, il tipo di oggetto rubato e nel periodo inserire la data del 19 gennaio. Se un cittadino dovesse riconoscere un proprio oggetto tra quelli in lista, la procedura da seguire è semplice: bisogna segnarsi il codice dell'oggetto riconosciuto e mettersi in contatto tramite mail con i carabinieri di Verona, che ricontatteranno i cittadini e concorderanno un appuntamento per mostrare il gioiello dal vivo. L'eventuale restituzione non sarà immediata, perché saranno necessarie ulteriori verifiche.

Il Comandante del nucleo operativo e radiomobile dei Carabinieri di Verona, Martina Perazzolo, ha sottolineato il fatto che nessun carabiniere busserà alle porte delle case dei cittadini per questo caso, ma i cittadini saranno chiamati a venire in caserma. Questo per evitare possibili truffe.

Dopo la verifica della provenienza dei gioielli non registrati sarà più chiara la posizione della titolare dei compro oro e del figlio. E la loro licenza è ancora al vaglio del Questore, che potrebbe non rinnovarla.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trecento gioielli non registrati in due compro oro sequestrati dai Carabinieri

VeronaSera è in caricamento