Tre persone in manette e 10 chilogrammi di droga sequestrati dai carabinieri

L'operazione condotta dai militari della compagnia di Caprino, ha permesso di togliere dal mercato ben 2.5 chilogrammi di cocaina, 7.4 chilogrammi di hashish e 270 grammi di marijuana, mentre due italiani ed un marocchino sono stati portati a Montorio

Tre persone sono finite in manette al termine di una brillante operazione condotta dai carabinieri della compagnia di Caprino Veronese, che ha portato anche al sequestro totale di ben 2.5 chilogrammi di cocaina, 7.4 chilogrammi di hashish e 270 grammi di marijuana
Due di loro, tra l'altro, erano vecchie conoscenze delle forze dell'ordine: nel 2011 infatti erano già finiti nei guai per un ingente sequestro di sostanze stupefacenti. 

L'indagine è entrata nel vivo il 6 novembre, quando nella zona industriale di Volargne, nel comune di Dolcè, R.R., marocchino di 35 anni, ha incontrato L.D., italiano 38enne, per l'acquisto di una quantità importante di droga. Al termine dello scambio, i militari hanno intercettato la Bmw Serie 3, alla cui guida si trovava il 38enne, all'altezza della Sega di Cavaion: cercando di sfuggire al posto di controllo della pattuglia del radiomobile, L.D. ha provato a scappare, finendo però con l'andare a scontrarsi contro uno scuolabus
A bordo dell'auto i carabinieri hanno trovato 500 grammi di hashish e 27 grammi di cocaina, così la perquisizione si è spostata poi nell'abitazione dell'uomo, dove erano presenti altri 122 grammi di "fumo" e 239 grammi di marijuana, oltre ad altro materiale di rilievo per le indagini come quello utile per il confezionamento dello stupefacente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini degli uomini dell'Arma naturalmente sono proseguite, al fine di individuare e assicurare alla giustizia anche le altre persone coinvolte in questo traffico. Così il 16 novembre, dopo numerosi servizi di osservazione, R.R. è stato individuato all'interno di un capannone della zona industriale di Arbizzano in compagnia di L.B., 54enne italiano. 
I due sono stati trovati in possesso di 1.5 chilogrammi di cocaina, 6.8 chilogrammi di hashish e 31 grammi di marijuana, nascosti negli uffici dello stabile. Arrestati, entrambi sono stati poi portati nel carcere di Montorio, dove già si trovava L.D.. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attività invstigativa infine ha portato i carabinieri ad individuare un garage a Castelnuovo dl Garda in uso a R.R., dove è stato rinvenuto un altro chilogrammo di cocaina purissima, con sopra impresso il logo del tulipano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento