rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
VeronaSera

Cellule staminali anche a Legnago presso la clinica Domus Salutis

Guarisce i danni irreversibili della pelle e le cicatrici, anche quelle da radioterapia. E riesce a ricostruire i seni amputati dalla mastectomia totale senza protesi, ma gra­zie al trapianto di grasso

Guarisce i danni irreversibili della pelle e le cicatrici, anche quelle da radioterapia. E riesce a ricostruire i seni amputati dalla mastectomia totale senza protesi, ma gra­zie al trapianto di grasso e di nicchie di cellule staminali. Un intervento che si esegue solo nel Veneto presso U.Operativa di Chirur­gia Plastica del dottor Adilardi al­la clinica Domus Salutis e a Miami nel reparto del dottor Roger Kouri.

"E' l'unico tipo di ricostruzione che permette alla donna di riacquistare completamente la sensi­bilità del seno - spiega Adilardi , limita al massimo le cicatri­ci ed è la meno invasiva. Tra l'altro non esiste l'insuccesso, la protesi può causare rigetto e infezione, con la somministra­zione di grasso no. Ed è ripetibile". Con questa tecnica, nel­l'Unità Operativa diretta dall' Adilardi a Legnago Verona, l'utilizzo di protesi per il seno è stato ridotto drasticamente, il 50 per cento in meno. Nasce così nel Veneto la nuova frontiera della medicina rigenerativa. Quello di Adilardi sull'utilizzo delle staminali è un metodo rivoluzionario. E' riuscito a ricostruire mammel­le trapiantando il grasso del corpo. La scoperta risale al 2000, ma i risultati della sperimentazione su oltre 300 pazienti, "Il tessuto adiposo lipoaspirato contiene una grande quantità di cellule staminali uguali a quelle del midollo osseo - spie­ga il dr.Adilardi. Tutto è nato dopo un trapianto di grasso in una donna che aveva danni sulla pelle cau­sati dalla radiotera­pia, oltre a cicatrici di interventi in seguito a tumore al seno. La te­rapia con il trapianto di tessuto adiposo col­mò il deficit sottocuta­neo legato alle cicatri­ci, ma migliorò anche tutti i danni della pel­le causati dalla radio­terapia. Da lì iniziò la nostra ricerca".

E da quel primo caso, se­guirono le conclusio­ni che oggi hanno por­tato il dottor Adilardi Pasquale a rivoluzionare il metodo di ricostru­zione del seno e a otte­nere risultati anche su ustioni, malattie ischemiche, atrofie facciali ecc . Tanto che la sua presenza per illustrare la scoperta e le applicazioni, è richiesta in tutto il mondo. "Il metodo non richiede manipolazioni di cellule stamina­li - fa notare il chirurgo veronese - , che vengono iniettate fresche, immediatamente, non passano attraverso colture e quindi non hanno bisogno dell'approvazione di comitati eti­ci". Oltre all'aumento anatomico, c'è un completo recupero funzionale dei tessuti, anche nei casi più gravi, come la qua­drantectomia seguita da radioterapia con danno ischemico di terzo e quarto grado.

La novità è che, in pratica, si procede alla liposuzione del grasso nelle parti del corpo più rifornite e lo si diffonde poi nel seno da ricostruire. "E' l'inizio di un nuo­vo approccio terapeutico destinato a rivoluzionare i concetti correnti della biologia dei processi di guarigione", conferma il medico veronese.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cellule staminali anche a Legnago presso la clinica Domus Salutis

VeronaSera è in caricamento