Grate alle finestre: quali scegliere per rendere la casa più sicura 

La sicurezza di case e negozi è un fattore importantissimo, motivo per cui è sempre meglio scegliere il giusto tipo di inferriata in base alle necessità: ecco le diverse tipologie in commercio e alcuni consigli per i consumatori

Foto di repertorio

Con l'aumento dei furti degli ultimi anni, proteggere al meglio la propria casa o il proprio negozio è diventata una priorità per tutti. L'utilizzo di grate o inferriate resta una scelta intelligente, in quanto riescono a garantire degli ottimi livelli di sicurezza, ma non è sempre semplice scegliere cosa mettere in casa. Ecco quindi una guida  su come scegliere le inferriate, in base alle diverse tipologie che offre il mercato.

In ferro battuto

Le più diffuse sono le grate in ferro battuto, un materiale che si presta benissimo per diversi motivi. Sono resistenti alle condizioni atmosferiche, proteggono in maniera eccellente dai tentativi di furto e garantiscono anche un ottimo effetto dal punto di vista estetico, valorizzando gli esterni delle abitazioni. Un connubio perfetto tra sicurezza ed estetica che spesso mette d'accordo tutti. Per chi non volesse cadere nel banale e proteggere la propria casa con inferriate originali è sempre possibile rivolgersi ad un fabbro in grado di 'confezionare' il disegno più gradito al cliente in questione. Va ricordato che il ferro battuto non è l'unico materiale disponibile per questo tipo di inferriate: esistono anche quelle in alluminio o in acciaio. Materiali altrettanto efficienti ma più difficili da lavorare, motivo per cui non è semplice trovarle e spesso si è costretti ad accontentarsi di 'fantasie' più semplici e lineari.

Anti-effrazione

Spesso le inferriate sono realizzate da fabbri o artigiani esperti, ma non tutti possono permettersi di eseguire dei test anti-effrazione. Un motivo per cui spesso si propende per acquistare le inferriate da rivenditori più grandi e non dalla piccola bottega. Le inferriate anti-effrazione sono sempre realizzate con materiali molto resistenti, ma garantiscono una protezione ancora più efficace, attestata proprio dalle prove che il prodotto ha subìto prima di essere messo in commercio. Per le inferriate anti-effrazione esistono cinque livelli di protezione, catalogati dall'1 al 5. Il consiglio degli esperti è quello di acquistare inferriate dalla classe 3 in su, così da avere un ambiente protetto al 100%.

Apribili

Le inferriate più diffuse sono certamente quelle fisse, ma è sempre possibile realizzare delle inferriate che permettano, di tanto in tanto, di essere aperte. Ideali per chi ha le finestre che affacciano su un bel panorama. Una scelta ideale per chi, in mancanza di giardini o balcone, ha bisogno di aprire le finestre, non soltanto per godere della vista, ma anche per sistemare eventuali fili per stendere i panni. Ovviamente, in caso di porte-finestre, la scelta di inferriate apribili è praticamente obbligata, per permettere l'accesso a balconi o terrazzi. Le più istallate di questa tipologia sono le cosiddette inferriate a battente, anche se negli ultimi tempi stanno prendendo piede le inferriate a scomparsa, in cui l'anta si apre scorrendo all'interno di un cassonetto. Quest'ultime sono ideali per chi non ha a disposizione molto spazio.

 Inoltre, è possibile chiedere delle inferriate a doppio scorrimento (se si ha lo spazio necessario) o quelle posizionate all'interno della stanza, che risultano ancora più sicure. Lo scorrimento può essere sia verticale che orizzontale. Ma le apribili sono meno sicure di quelle fisse? Inutile prenderci in giro, ovviamente sì. Purtroppo quelle apribili corrono il rischio di essere manomesse, proprio a causa della presenza di una serratura. In questo caso è sempre consigliabile munire le inferriate di una serratura anti-scasso. 

I kit

Per chi volesse installare in modo autonomo le proprie inferriate, esistono in commercio anche quelle vendute in veri e propri kit. Hanno delle misure standard, spesso sono realizzate con stampi e non a mano, ma la loro qualità è certamente inferiore. Nonostante siano applicabili in maniera autonoma, è sempre consigliabile che ad occuparsi di questo genere di lavori sia una persona con un minimo di esperienza: una precauzione in più per sapere di aver montato le inferriate in maniera corretta, così da non incappare in fastidiosi inconvenienti. Nonostante la qualità inferiore non si tratta certo di una scelta errata. Come per le altre tipologie di inferriate, è un'ottima abitudine controllare la classe anti-effrazione.

Non solo finestre

Quando pensiamo alle inferriate, la prima idea è la loro applicazione alle finestre, ma questo non è il loro unico utilizzo. Infatti, sono ideali anche per proteggere la porta di casa, anche se blindata. Si tratta di una ulteriore precauzione per stare tranquilli e che spesso risulta anche funzionale, soprattutto per chi desidera lasciare aperta la porta di casa, magari per far rinfrescare, senza il rischio che chiunque possa introdursi indisturbato nell'abitazione.

Come scegliere 

La sicurezza della propria casa o del proprio negozio è un fattore molto importante, motivo per cui, il consiglio è quello di non cercare ossessivamente il risparmio a discapito della qualità. E' importante scegliere i materiali giusti e i prodotti che possano tenere i malintenzionati lontano da casa. Come per altre tipologie merceologiche, prima di portare a termine l'acquisto è consigliabile confrontare diversi preventivi, così da poter scegliere il prodotto più conveniente che possa coniugare qualità e prezzo.

Ma attenzione, per effettuare una scelta senza rimpianti è necessario osservare alcune caratteristiche: in primis la durata della garanzia e la sua presenza in caso di verniciatura, la presenza di un trattamento anti-ruggine che impedisce il rovinarsi delle inferriate, la classe anti-effrazione e la presenza di eventuali rinforzi che possano rendere ancora più sicure le nostre inferriate. Anche nel caso delle inferriate, il web può essere uno strumento utile per confrontare i prezzi di diversi rivenditori. Infine, va ricordato che il costo delle inferriate può essere detratto dalle tasse: al momento si parla del 50% della spesa, ma la percentuale potrebbe variare con l'introduzione di nuove norme.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Problemi di ricezione con il digitale terrestre? Ecco "Help Interferenze"

Torna su
VeronaSera è in caricamento