Da Casavo una vetrina di annunci gratuita riservata agli agenti immobiliari

Ospiterà solo annunci di qualità proposti da agenti selezionati da Casavo

immagine generica

L’emergenza legata alla diffusone del Covid-19 ha inevitabilmente determinato il blocco di molti settori, compreso quello immobiliare. Ma è proprio nei momenti di crisi che bisogna guardare avanti e dotarsi degli strumenti più adeguati a poter ripartire. E per offrire un supporto in tal senso ai professionisti del comparto, Casavo ha lanciato una vetrina di annunci riservata agli agenti immobiliari, dove potranno pubblicare gratuitamente le proprie proposte di vendita. Questo consentirà a tutte le persone che desiderano vendere il proprio immobile tramite Casavo, di poter accedere a un’offerta più ampia e di qualità, che include anche gli immobili delle agenzie partner oltre a quelli della stessa Casavo. La vetrina è già disponibile per gli agenti immobiliari che operano a Bologna, Firenze, Milano, Roma, Torino e Verona.

Quattro elementi caratterizzano la nuova vetrina di annunci Casavo, raggiungibile direttamente dal sito casavo.it, nella sezione «Acquisto immobile»:

  1. Solo annunci verificati e di qualità: un team di professionisti Casavo sarà dedicato alla valutazione degli annunci, che per essere idonei alla pubblicazione dovranno presentare informazioni chiare e dettagliate oltre a immagini in alta definizione
  2. Pubblicazione completamente gratuita, per sempre, così da basare la relazione con gli agenti e i consumatori non su elementi economici ma sulla qualità degli annunci;
  3.  Nessun annuncio pubblicato da privati: la nuova vetrina Casavo ospiterà solo annunci provenienti da agenti immobiliari autorizzati e verificati, mentre non verranno presi in considerazione quelli di privati;
  4. Tecnologia esclusiva: Casavo mette a disposizione degli agenti delle città in cui opera la propria tecnologia così come la visibilità del brand e i volumi di traffico della propria piattaforma.

Casavo ha lavorato fin dall’inizio allo sviluppo di un modello di business che fosse inclusivo delle agenzie immobiliari - ha dichiarato Giorgio TinacciCEO e Founder di Casavo - perché siamo convinti che il ruolo degli agenti continuerà a essere insostituibile, in particolare considerando la situazione di emergenza che stiamo vivendo. Crediamo nel valore della relazione umana e nella qualità del servizio offerto al consumatore e in momenti come questo comprendiamo come la tecnologia rappresenti un eccezionale strumento per mantenere e consolidare la relazione tra professionista e consumatore. Ci siamo confrontati con oltre 1.000 professionisti già partner di Casavo che in questo momento hanno manifestato l’esigenza di poter disporre di uno strumento di alta qualità dove pubblicare gratuitamente i propri annunci, ed è per questo che abbiamo sviluppato la vetrina di annunci Casavo. Ovviamente è uno strumento che non avevamo pianificato, che abbiamo sviluppato sulla base di un’esigenza legata a una situazione di emergenza in continuo cambiamento, su cui contiamo di investire ulteriormente.

«Le misure adottate per garantire la salute della popolazione hanno messo i team che si occupano di tecnologia in Casavo di fronte a una grande sfida - ha aggiunto Fausto MagliaChief Product Officer di Casavo - Ci siamo dovuti fermare per ideare soluzioni che permettessero al mercato immobiliare di recuperare almeno una parte dell'operatività. Non solo, avevamo bisogno di rendere disponibili queste soluzioni in tempi brevi. Come già fatto in precedenza con il rilascio della nostra app, anche il potenziamento della nostra sezione di annunci immobiliari è stata rilasciata in una versione embrionale, pur senza compromettere la qualità. Gli sforzi dei prossimi mesi saranno altrettanto intensi rispetto a quelli effettuati negli ultimi 30 giorni, con l'obiettivo di aumentare il numero di funzionalità e andare incontro alle esigenze degli utenti e degli agenti selezionati con cui collaboreremo. Agli utilizzatori chiediamo di indicarci in che direzione andare condividendo con noi i loro consigli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fondata a settembre 2017 da Giorgio Tinacci (28 anni), Casavo ha raccolto oltre 100 milioni di euro di capitale, risultando la startup più finanziata in Italia nel 2019 e quella ad aver raccolto più capitale nei primi due anni di attività. Ad oggi ha effettuato oltre 450 acquisizioni immobiliari, per un valore di 120 milioni di euro, mentre il team è cresciuto fino a oltre 100 persone e più di 1.000 agenzie immobiliari hanno aderito al network Casavo a Milano, Roma, Torino, Firenze, Bologna e Verona. E recentemente ha iniziato a operare anche sul mercato immobiliare spagnolo.
Alla base del successo c'è un algoritmo di proprietà che consente di valutare in tempo reale il valore di un immobile, assicurando il giusto prezzo di mercatoCasavo è il primo “instant buyer” in Italia, offre uno straordinario valore aggiunto sia ai venditori che agli acquirenti di immobili residenziali, e sta risolvendo una criticità del mercato immobiliare, riducendo significativamente il tempo della transazione. In media, come rileva Banca d’Italia, nelle principali città italiane sono necessari sette mesi per vendere una proprietà residenziale attraverso i canali tradizionali. Casavo semplifica il processo, consentendo ai venditori di evitare le incertezze legate alle diverse fasi della compravendita, intervenendo come acquirente diretto. Il sistema di valutazione automatizzato dell’azienda prende in considerazione molteplici variabili sia quantitative che qualitative e fornisce ai potenziali venditori il valore esatto della loro proprietà, insieme a un’offerta di acquisto immediata, in tempo reale.
Nel corso dei primi due anni di attività Casavo è stata supportata da diversi investitori, tra cui la statunitense Greenoaks Capital, le tedesche Project A Ventures e Picus Capital, oltre al fondo di investimenti italo-francese 360 Capital, Kervis Asset Management, Boost Heroes (holding guidata da Fabio Cannavale), Marco Pescarmona (fondatore e presidente di MutuiOnline) e Rancilio Cube.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formiche: sette rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Giardino piccolo: cinque idee per arredarlo

  • Antivirus: è veronese il primo sterilizzatore domestico ad ozono Made in Italy

Torna su
VeronaSera è in caricamento