Nasce "Klima home": la casa amica, intelligente e naturale

A Villafranca il primo condominio di lusso in legno lamellare che dialoga con l’ambiente, a misura di famiglia, amico della natura e a basso consumo

Klima Home

Intelligente, perché abbina materiali semplici alle tecnologie più all’avanguardia. Naturale, perché ha un’anima in legno (S.A.L.E +) e sfrutta la luce e l’energia dell’ambiente esterno. Parsimonioso, perché riduce al minimo i consumi e garantisce i massimi sgravi fiscali. Ecocompatibile, perché costruito con materiali ecologici, alimentato da energie rinnovabili e a zecro emissioni in atmosfera. È l’edificio residenziale di altissimo profilo KLIMA HOMENasce a Villafranca di Verona la casa amica dell’ambiente e della famiglia che sorgerà dal recupero di una palazzina dismessa degli anni Sessanta a pochi passi dal centro su cinque livelli fuori terra con strutture e pareti lignee. Per dimensioni non ha eguali nella provincia di Verona. Esempi simili non mancano nel Nord Europa e in Trentino, ma in Veneto se ne trovano solo un paio nel Veneziano.

L'idea

L’idea è nata dall’amicizia e dalla collaborazione tra Andrea Marchi, manager nell’ambito informatico per il luxury&fashion, e l’architetto Enrico Zoccatelli che da tempo progetta edilizia sostenibile coniugando risparmio energetico e design. La sensibilità ambientale e la volontà d’innovazione di Marchi hanno incontrato, dunque, l’esperienza d’avanguardia di Zoccatelli nella progettazione di tecnologie a secco. Ne è seguito un lungo lavoro di studio sulle moderne esigenze abitative, di ricerca dei materiali e selezione delle migliori aziende del settore. Una continua elaborazione e sperimentazione progettuale, volta a migliorare il benessere e la vivibilità degli ambienti interni, disegnando un’architettura semplice e al tempo stesso elegante e rappresentativa. Garage con accesso diretto al pian terreno, cantina nell’interrato e poi cinque piani con l’anima in legno (dalla struttura portante alle pareti interne), rivestita di lana di roccia, isolante naturale fonoassorbente. La costruzione conterà sei appartamenti di 158 metri quadrati e due attici di 200 metri con giardini pensili che consentono la riduzione dell’isola di calore, fenomeno che provoca il surriscaldamento delle città in seguito proprio al surriscaldamento degli edifici. E poi vetrate per sfruttare la luce naturale, più confortevole e sana, e ambienti salubri grazie al sistema di ventilazione meccanica per il ricambio d’aria; e ancora, luci a led, impianto fotovoltaico, nessun ricorso al gas metano e sistemi a risparmio energetico con impianti controllabili da remoto che dialogano tra loro.

«La nostra filosofia è costruire una casa dove una persona sia felice. Una casa naturale dove la famiglia sia messa al centro, ma sia in relazione con la natura e con il mondo esterno. In un certo senso anticipiamo ciò che ci ha insegnato la pandemia costringendoci a riscoprire nella casa un luogo di benessere naturale, ma dotato di tecnologie all’avanguardia», spiega Marchi, fondatore, con la sorella Viviana, della società Klimargherita che porta avanti il progetto Klima Home, per il quale ha iniziato anche un’accattivante campagna sui social network con video realizzati da Giorgio Oppici che raccontano passo dopo passo la rinascita della palazzina.

«Klima Home è un luogo che dialoga con il resto del mondo e con gli elementi che lo legano alla natura come la luce solare e il legno», continua Marchi. «I sistemi di costruzione ci donano ambienti arieggiati e asciutti, senza zone umide, muffe o fattori allergeni. Il progetto nasce dall’idea di famiglia come bene più prezioso e della casa come guscio protettivo, amica e custode fedele della storia di ogni famiglia. Esprime chi siamo, la nostra attenzione agli altri rispettando la natura e il pianeta, anche pensando ai nostri figli e alle generazioni future. Klima Home è una casa per amica, un luogo in cui vivere bene».

Ogni appartamento avrà tre kilowatt di energia proveniente dall’impianto fotovoltaico indipendente, e poi un garage e un posto auto coperto, entrambi predisposti per la ricarica delle auto elettriche. L’impianto di climatizzazione radiante a pavimento è alimentato da una pompa di calore ad alta efficienza che scambia temperatura con un sistema geotermico orizzontale, grazie al quale l’edificio sarà climatizzato senza la necessità di macchine ventilanti esterne.

«Ma il riscaldamento si accende raramente perché il legno, gli isolanti e i sistemi di circolazione di ricambio d’aria lavorano ottimizzando la temperatura. Le spese energetiche quindi si aggirano sui 200 euro l’anno per 100 mq a fronte dei circa 2.000 pagati oggi da un utente in classe non A».

Klima Home è un edificio N.Z.E.B (Near zero energy building, ovvero a consumo energetico quasi pari a zero) e fa propria la Direttiva europea 31/2010/CE che prevede dal 2021 che tutti i nuovi edifici siano costruiti seguendo questi criteri. È, inoltre, certificato da ARCA e raggiunge elevatissimi livelli di abbattimento acustico pari a 60db tra unità abitative e 45db verso l’esterno.

«L’aria è sempre pulita e filtrata e non ci sono scompensi termici tra una stanza e l’altra. Il rumore indesiderato, inoltre, è una delle principali cause di stress in casa. Un ambiente accogliente e sano è un luogo dove la persona può trovare pace e silenzio. Un sistema Smart Home (domotica superiore), infine, dotato di fibra ottica fino all’interno degli appartamenti, trasforma Klima Home in una casa dove i sistemi dialogano tra loro in maniera intelligente».

Per mantenere la temperatura fresca d’estate, ad esempio, il proprietario deve solo impostare i gradi. Al modo migliore per mantenere il fresco pensa il sistema Smart Home, prima abbassando gli oscuranti e poi, solo se necessario, azionando i condizionatori. E ancora, il citofono è collegato al cellulare e al sistema di videosorveglianza che copre tutto il perimetro dell’edificio:

«Se sono al lavoro e suona il campanello di casa», conclude Marchi, «posso vedere chi è e, se si tratta ad esempio del fattorino Amazon o di chi consegna la spesa alimentare, posso aprire la porta e indicargli l’apposito deposito in cui collocare il pacco».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dettagli tecnici

Klima Home è una costruzione ideata da Klimargherita srl di Andrea e Viviana Marchi, di Villafranca di Verona. Villafranchesi sono anche la progettazione, dello studio di architettura Eza di Enrico Zoccatelli, e la costruzione dell’interrato e del pianterreno (uniche parti in calcestruzzo) della Serpelloni Spa. Tutta la struttura in legno lamellare è costruita da imprese trentine, tra cui la X-lam Dolomiti di Castelnuovo (Trento) e la Alpilegno della Val di Ledro per i serramenti triplacamera in legno all’interno e in alluminio all’esterno. Il materiale ligneo è certificato Pefc ed è tracciabile. Proviene da boschi prettamente italiani e austriaci organizzati secondo requisiti di “sostenibilità”, dal punto di vista ecologico, economico e sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dieci consigli per risparmiare sul condizionatore

Torna su
VeronaSera è in caricamento