Verona presenta la 1° edizione di IN.CON.TRA, il Festiavl delle relazioni

Il Festival promuove, a vari livelli, il benessere dei giovani e delle loro famiglie favorendo la loro integrazione nel tessuto sociale

Dal 1 al 5 maggio, Verona accoglie la prima edizione di IN.CON.TRA Festival delle Relazioni .

Il Festival è riuscito a coinvolgere più di un centinaio di enti ed associazioni del territorio veronese, che si alterneranno nel centro storico e nelle sedi delle varie realtà, per mostrare ciò che la città offre ai giovani.

Nucleo centrale del Festival delle Relazioni è Piazza dei Signori, dove si concretizzerà un vero e proprio Villaggio del Festival, con spettacoli gratuiti, attività e casette allestite per degustazioni eno-gastronomiche.

Le proposte numerosissime spaziano dal teatro, al cinema, allo sport, alla psicologia fino al volontariato.

“In particolare- dichiara la psicologa Ilenia Bozzola- vorrei segnalare l'evento che si terrà il 2 Maggio alle ore 14.00 in Biblioteca Capitolare, dal titolo "La violenza di genere: capirla per affrontarla". Con la partecipazione del Dott. Massimo Giliberto, Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Costruttivista, e del Centro Antiviolenza Petra. Durante l'incontro verrà trattato il tema del legame tra rabbia e violenza. Il presupposto è che conversare sulla violenza significhi in primis nominarla. Essendo essa stessa spesso presente nella nostra vita, all'interno delle relazioni di coppia o in famiglia, porre maggior attenzione alla fiducia e all'amore, permette di costruire il "ben-essere" all'interno dei rapporti.”

IN.CON.TRA è organizzato dall’Associazione Progetto Giovani, che vuole promuovere il benessere dei ragazzi e delle loro famiglie. L’obiettivo è quello di creare occasioni in cui gli stessi giovani possano fare esperienza nei diversi ambiti, magari scoprendo anche nuovi interessi o attitudini.

Il presupposto di partenza è quello di inserire i giovani in una sana rete di relazioni

“Consapevoli che qualsiasi difficoltà abbia ricadute sull’intera vita di ognuno- commenta la psicologa Ilenia Bozzola - , l’Associazione Progetto Giovani, ha creato una rete che possa sostenere i giovani dall’ambito dell’apprendimento, a quello psicologico, fino a quello della gestione del proprio tempo libero.” "Molto spesso- continua Ilenia Bozzola, Presidente dell’Associazione Progetto Giovani- ci chiediamo chi sono davvero i ragazzi. Abbiamo in mente delle categorie, delle caratteristiche comuni. Alcune volte notiamo delle peculiarità che invece contraddistinguono ognuno di loro. I giovani sono, a mio parere, il centro di tutto. E’ vitalità, che certe volte esplode ed altre rimane celata. E’ possibilità, di sognare, di esplorare, di avventurarsi nel nuovo. Credo, nella mia esperienza- dichiara la psicologa- che affiancare un giovane significhi ascoltarlo e tentare di comprenderlo, mettendo da parte i propri pregiudizi. E’ da questa idea che nasce l’Associazione Progetto Giovani. Proprio con l’intento di far fronte al complesso mondo giovanile, fatto di desideri e difficoltà. Progetto Giovani è perciò un’associazione che vuole creare un ponte, che permetta loro di avvicinarsi e scoprire il valore della loro relazione con gli altri. "

Per chi desiderasse saperne di più, può visitare il sito www.progettogiovani.vr.it che propone anche dei contenuti su specifiche tematiche o percorsi di prevenzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque Comuni senza positivi al Covid-19: la situazione in provincia di Verona

  • Doppia vincita milionaria al Gratta e Vinci, Procura di Verona archivia inchiesta

  • Scontro fatale tra moto e auto a Isola della Scala: 28enne morto sul posto

  • Dimagrire in modo sano: gli errori da evitare per perdere peso senza effetto yo-yo

  • Non ce l'ha fatta la 43 enne madre di tre figli investita a Villafranca di Verona

  • Quattro locali chiusi a Verona: uno per droga, tre per l'infrazione della normativa anti Covid-19

Torna su
VeronaSera è in caricamento