Fitness Borgo Venezia / Via Felice Casorati

In palestra si fa meno fatica se si ascolta musica ritmata: lo studio UniVR

«Abbiamo visto che l'ascolto di musica ad alto ritmo durante camminata e workout in palestra comporta un aumento di frequenza cardiaca e uno sforzo percepito più basso rispetto a quando si fa sport senza ascoltare la musica»

Immagine generica

Ascoltare musica ritmata come Taylor Swift, Green Day o Caro Emerald può dare la spinta necessaria ad alzarsi dal divano e a riprendere un sano stile di vita. L’impatto della musica ad alto ritmo sull’esercizio fisico è l’oggetto della ricerca pubblicata su Frontiers in Psichology e condotta dall’università di Verona con co-autore Luca Paolo Ardigò, docente di Metodi e didattiche delle attività sportive, del dipartimento di Neuroscienze, biomedicina e movimento dell’ateneo, diretto da Andrea Sbarbati. Lo studio si è svolto in collaborazione con Vittoria Maria Patania, Dra?en ?ular e Alen Mileti?, dell’università di Spalato (Croazia), Johnny Padulo, dell’università di Milano, Enzo Iuliano e Andrea De Giorgio, dell'università degli studi eCampus di Novedrate.

La ricerca ha dimostrato che ascoltando brani con 170-190 battiti per minuto è possibile migliorare la resa dell'allenamento faticando meno e dando il meglio di sé stessi. Grazie alla giusta musica allenarsi può diventare molto più piacevole ed efficace e, in particolare, un certo tipo di musica incrementa i benefici degli allenamenti e riduce la percezione dello sforzo fisico. La scelta della musica è, infatti, molto soggettiva e si basa su preferenze individuali o culturali, ma la ricerca ha stabilito che la musica ideale per allenarsi è quella ad alto ritmo soprattutto quando si praticano esercizi di endurance come la camminata, oppure quando ci si allena con esercizi di alta intensità come il sollevamento pesi.

I ricercatori dell’università di Verona hanno sperimentato l'effetto del tempo musicale su 19 donne che eseguivano un allenamento di resistenza (la camminata su un tapis roulant) o esercizi ad alta intensità (come la leg press) in quattro differenti condizioni: in silenzio, con una musica a bassa frequenza (90-110 bpm), a media (130-150 bpm) o ad alta frequenza (170-190 bpm). Sono stati poi presi in considerazione alcuni parametri come la forza massima, la percezione dello sforzo richiesto dall’esercizio e la frequenza cardiaca, partendo dal presupposto che più questa è alta più l'esercizio è vantaggioso per la forma fisica. «Abbiamo visto che l'ascolto di musica ad alto ritmo durante camminata e workout in palestra comporta un aumento di frequenza cardiaca e uno sforzo percepito più basso rispetto a quando si fa sport senza ascoltare la musica - ha spiegato Ardigò -. Ciò significa che l'esercizio sembra meno impegnativo, ma è in realtà più vantaggioso in termini di miglioramento della forma fisica».

Diversi sono gli scenari futuri che tale ricerca ha aperto. Innanzitutto, i ricercatori puntano a realizzare uno studio sull'impatto che la musica può avere sulla fitness con un campione più ampio, che comprenda anche uomini e individui con età diverse. Altri possibili sviluppi riguarderebbero il prendere in esame aspetti come il genere musicale, la melodia o i testi, dato che comprendere questi elementi potrebbe aiutare a liberare tutto il potenziale della musica come stimolatore nell’attività fisica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In palestra si fa meno fatica se si ascolta musica ritmata: lo studio UniVR

VeronaSera è in caricamento