menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore allo sport di Verona Filippo Rando (il secondo da sinistra) alla presentazione dell'evento

L'assessore allo sport di Verona Filippo Rando (il secondo da sinistra) alla presentazione dell'evento

We Run, corsa podistica non competitiva contro la violenza sulle donne

L'appuntamento è per domenica 25 novembre, con partenza alle 10 dal centro sportivo Bottagisio. Il ricavato servirà per la riqualificazione di un appartamento a favore dell'associazione Protezione della Giovane

Una corsa podistica contro la violenza sulle donne e a favore dell'associazione Protezione della Giovane Verona. È la We Run, una gara non competitiva di 6 e 9 chilometri, dedicata alle donne, ma aperta anche agli uomini e a quanti vogliano schierarsi contro la vergognosa piaga della violenza di genere. L'appuntamento è per domenica 25 novembre, con partenza alle 10 dal centro sportivo Bottagisio in via del Perloso, per un percorso attraverso il parco dell'Adige a portata di runners ma anche di famiglie e bambini.
La manifestazione, giunta alla terza edizione, si inserisce nel programma delle iniziative per la Giornata contro la violenza sulle donne ed è realizzata dall’associazione Angels in Run Verona con il patrocinio del Comune di Verona e il supporto di Agsm, Bottagisio Sport Center e Canoa Club.

Per partecipare basta iscriversi, online o nei negozi autorizzati, versando la quota di 12 euro. Ai partecipanti verrà consegnata una sacca ufficiale dell'evento, una maglietta tecnica e alcuni omaggi degli sponsor. Per i ragazzi fino ai 15 anni la partecipazione è gratuita. Il ricavato della corsa sarà utilizzato per la riqualificazione di un appartamento a favore dell'associazione Protezione della Giovane, con il primo co-housing per le donne che, dalla casa protetta, iniziano un percorso di indipendenza.
Anche quest'anno, l'obiettivo è raggiungere quota mille iscritti, per sensibilizzare il maggior numero di cittadini al rispetto reciproco, ma anche per avvicinare le persone alla corsa e ai suoi aspetti benefici.

Madrina d'eccezione sarà Eliana Patelli, la maratoneta bergamasca due volte vincitrice a Verona, che proprio grazie alla corsa è riuscita a ritrovare se stessa e chiudere una relazione dannosa.
«Crediamo nel valore aggiunto di questa iniziativa che, attraverso lo sport e lo stare insieme, persegue l'obiettivo di contrastare una piaga sociale che la cronaca ci ricorda essere sempre più drammatica», ha commentato l'assessore allo sport di Verona Filippo Rando.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento