Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità Centro storico / Piazza dei Signori

Nuova auto elettrica per la Polizia di Verona per muoversi in centro

Le chiavi della nuova Volkswagen E-up! sono state consegnate dall'ad di Volkswagen Italia Massimo Nordio al questore Ivana Petricca

Questa mattina, 8 luglio, in Piazza dei Signori a Verona, si è svolta la cerimonia di consegna di una Volkswagen E-up! alla Questura scaligera. Massimo Nordio, amministratore delegato di Volkswagen Italia, ha affidato al questore Ivana Petricca, le chiavi della vettura in livrea Polizia di Stato. L'auto è completamente elettrica e qui non ha emissioni di gas di scarico ed è particolarmente silenziosa.

polizia-piazza-signori-verona-2
(La nuova auto in dotazione alla Polizia di Verona)

«Dopo Roma e Milano, anche a Verona Volkswagen e forze dell'ordine collaborano per garantire alla collettività servizi sempre più efficienti - ha commentato Nordio - Dal 2015 abbiamo consegnato alla Polizia di Stato oltre 2.000 vetture e questa ulteriore iniziativa rafforza una partnership di valore, che ci rende orgogliosi e che testimonia una volta di più il nostro impegno per la diffusione della mobilità elettrica in Italia». E Ivana Petricca ha aggiunto: «A nome della Polizia di Stato sono particolarmente lieta di questa partnership e ringrazio Massimo Nordio che, dopo due grandi città capoluogo, ha pensato a Verona per concedere in comodato d'uso quest'autovettura. La particolare caratteristica del tipo di autovettura, a tutela dell'ambiente, così come la sua agilità e duttilità, ci ha indotto a destinarla all'attività istituzionale del Poliziotto di Quartiere svolta nel centro storico. Infatti, essa si muoverà coprendo piazze e vie del centro città, aree pedonali frequentate da cittadini, turisti e dense di attività commerciali e ricettive, a vantaggio del rapporto di prossimità e di contatto con la cittadinanza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova auto elettrica per la Polizia di Verona per muoversi in centro

VeronaSera è in caricamento