I veronesi e la bici, una grande passione. Occhio però alla sicurezza

Sara Assicurazioni ha dedicato un Osservatorio al rapporto tra cittadini scaligeri e le due ruote: per questi tra i comportamenti più pericolosi c'è l'andare contromano (50%) e non usare le luci (20%)

Immagine di repertorio

Bici, che passione! Ma quando i ciclisti salgono in sella, non si è sempre felici di averci a che fare. Il vizio peggiore? Per un veronese su due (50%), non rispettare le norme della strada, soprattutto andando contromano, procedendo a zig-zag nel traffico o, ancora, distraendosi e parlando al cellulare. Con la possibilità, oltretutto, di mettere a rischio la sicurezza propria e degli altri.

Lo rileva Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell’Automobile Club d’Italia e Top sponsor del Giro d’Italia 2019, nell’Osservatorio interamente dedicato, per l’occasione, al rapporto degli abitanti di Verona con le due ruote1.

Tra i comportamenti più pericolosi, anche l’abitudine di non usare fari e adeguati dispositivi di segnalazione e protezione (20%) e trasportare carichi eccessivi (16%). Un ulteriore 14% ritiene che sia estremamente pericolosa anche la tendenza a girare con un mezzo non in perfette condizioni.

Ma, se in sella occorre adottare un comportamento sempre responsabile, molto dipende anche dalla convivenza con gli altri utenti della strada. Qui i veronesi hanno pochi dubbi: le più temute, per i ciclisti, sono le automobili (46%). A seguire, i pedoni, spesso indisciplinati e distratti (20%) e gli animali che vagano liberi (12%). Minor preoccupazione sembrano destare, invece, le motociclette (12%) e le altre bici (10%).

Il tema della sicurezza sulle due ruote, d’altra parte, è molto serio: solo nel 2017 in Italia sono stati 17.521 gli incidenti stradali che hanno coinvolto ciclisti, di cui 254 con esiti fatali (dati ACI/Istat), la maggior parte verificatisi su strade urbane.

Per un quasi un veronese su due (46%), inoltre, il principale pensiero legato alla bicicletta è quello di subirne il furto. Seguono il timore di subire atti vandalici (24%) e della propria incolumità (14%).

Osservatorio Sara Assicurazioni_Verona-2

UNA PASSIONE GREEN... - Ma che cosa rende speciale la bicicletta? La prima ragione, a detta di oltre un veronese su tre (34%), è il fatto che sia un mezzo ecologico, che offre la possibilità di spostarsi, e percorrere brevi o lunghe distanze, senza incidere sull’ambiente. Seguono i benefici sul benessere individuale (22%) e l’agilità e la comodità negli spostamenti (20%), che ne fanno il mezzo di trasporto ideale per la città.

…CHE FA BENE ANCHE AL PORTAFOGLIO - Un’altra qualità della bici che i veronesi apprezzano è l’economicità. Il maggior risparmio che deriva dall’usare le due ruote, secondo la stragrande maggioranza dei veronesi (68%), è la possibilità di ridurre drasticamente la spesa per la benzina e fare economia sull’uso dell’auto. Un ulteriore 14% sostiene che qualche bella pedalata possa sostituire l’abbonamento in palestra e un altro 8% di intervistati trova che il vero risparmio stia nell’acquisto e nella manutenzione del mezzo, molto più economico rispetto ad auto e motociclette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alberto Tosti, Direttore Generale di Sara Assicurazioni, commenta: «I ciclisti sono tra gli utenti più deboli della strada e quindi, parlando di due ruote, è molto importante sottolineare il tema della sicurezza. Questa naturalmente deriva da vari fattori: alcuni legati all’ambiente strada e agli aspetti infrastrutturali, come la presenza di piste ciclabili, la delimitazione di zone a traffico limitato e non solo; altri dipendono invece da un’adeguata e necessaria conoscenza di quei rischi, attenzioni e comportamenti che favoriscono una serena coesistenza tra tutti i soggetti su strada. Il Giro d’Italia è poi un’occasione favorevole per sottolineare il concetto di copertura assicurativa e l’importanza di tutelare la propria sicurezza, oltre al mezzo stesso, anche nel contesto delle nuove, e sempre più evolute, forme di mobilità condivisa come è il caso del bikesharing».

1Indagine svolta con metodologia CATI da Aton Research su un campione rappresentativo della popolazione italiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 5 al 7 giugno 2020

Torna su
VeronaSera è in caricamento