Verona. «Vasca dell'Arsenale vuota e non funzionante: è una vera follia»

Sono Pietro Trincanato e Caterina Bortolaso di Traguardi a sollecitare l'amministrazione comunale: «Chiediamo che i rubinetti vengano riaperti al più presto, ricreando di nuovo lo specchio d'acqua attorno al quale i veronesi amano tanto ritrovarsi»

La vasca dell'Arsenale di Verona

«L'estate è già al suo culmine, moltissimi veronesi saranno costretti a passarla in città e uno dei rari luoghi dove poter cercare refrigerio vicino al centro, la vasca dell'Arsenale riqualificata da David Chipperfield, è vuota e non funzionante: è una vera follia!».
A dirlo, con una nota congiunta, sono Pietro Trincanato, presidente di Traguardi, e Caterina Bortolaso, consigliera in Terza circoscrizione per il movimento civico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un problema che si ripropone a intervalli regolari, quasi che Verona non riuscisse a fare pace con quel raffinato intervento di architettura contemporanea che ci ricorda la lunga serie di occasioni sprecate e perse per riqualificare l'Arsenale - proseguono Tricanato e Bortolaso -. Ma la vasca di Chipperfield non è solo un esempio di buona architettura, in grado di riqualificare l'eredità del passato mettendola al servizio dei bisogni del presente: è anche un luogo di aggregazione irrinunciabile per gli abitanti del quartiere di Borgo Trento e delle zone limitrofe. Un sito che, da quando è stato ripensato dall'architetto britannico, si è trasformato in un punto di riferimento per famiglie, ragazzi e anziani, modello virtuoso di rigenerazione urbana. Privare i veronesi di quest'angolo di bellezza in piena estate è assurdo, soprattutto quest'anno, ed è doppiamente assurdo che un'amministrazione si faccia in prima persona artefice di un grave episodio di degrado urbano. Per questo chiediamo che, per rispetto ai cittadini e all'opera di Chipperfield, i rubinetti vengano riaperti al più presto, ricreando di nuovo lo specchio d'acqua attorno al quale i veronesi amano tanto ritrovarsi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Steakhouse: i tre migliori di Verona

  • Elezioni in Veneto: come si vota? Dal voto disgiunto alle preferenze, tutte le informazioni

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • Scontro mortale tra un'auto e una bici: deceduto sul posto il ciclista

  • Citrobacter, provvedimento disciplinare alla direttrice della microbiologia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento