rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Educazione al rispetto e all'autostima: firmato il protocollo tra Comune e università di Verona

Presentato a palazzo Barbieri il protocollo del progetto "O.P.E.R.A. - Osservatorio per l'educazione al rispetto e all'autostima"

Questa mattina, giovedì 2 luglio, in diretta streaming dalla sala Blu, il sindaco Federico Sboarina, la prorettrice dell’Università di Verona Donata Gottardi, Nicoletta Zerman delegata del Rettore alla Comunicazione e ai rapporti istituzionali, Antonella Rossi referente "O.P.E.R.A." e la presidente della commissione comunale Politiche sociali Maria Fiore Adami, sono intervenuti per la presentazione e firma del protocollo del progetto "O.P.E.R.A. - Osservatorio per l'educazione al rispetto e all'autostima".

La professoressa Gottardi ha spiegato che «già da diverso tempo l'università oltre alla ricerca ed alla didattica ha una terza missione che è quella di mettersi a disposizione del territorio. Questo accordo con il Comune e l'adesione per tale osservatorio e progetto "O.P.E.R.A." fa parte di questo impegno. I temi dell'educazione, dell'autostima e del rispetto ci riguardano tutti nella vita quotidiana e nel nostro ruolo di educatori». Il sindaco ha quindi voluto sottolineare come la firma di tale protocollo riveli che «l'università di Verona non è solo nelle aule, ma si mette anche al servizio della città attraverso la ricerca, la didattica e la formazione».

Al centro del progetto vi è un questionario che sta venendo ultimato, ma la cui distribuzione avverrà a breve dopo essere stata anche bloccata dall'emergenza Covid e che servirà per «trovare i reali bisogni» a livello familiare e scolastico da parte di giovani e genitori. «Capire quale sarà la scuola che verrà dopo il Covid», è infatti anche uno dei punti essenziali del progetto che vedrà appunto il questionario per la rilevazione dei dati distribuito entro ottobre, tanto nelle scuole d'infanzia e fino anche a quelle superiori, sia agli studenti che ai genitori, insegnanti, docenti e dirigenti. Uno dei punti essenziali del questionario in merito all'emergenza Covid vissuta a livello scolastico coinvolgerà il tema della "didattica a distanza", poiché ha spiegato Antonella Rossi, referente del progetto "O.P.E.R.A.", attraverso la didattica a distanza «una cosa che abbiamo visto è che si è abbassata moltissimo la motivazione allo studio nei ragazzi, abbiamo fatto una piccola ricerca e abbiamo visto che quasi ha fatto più danni che altro, è forse più un vincolo che non una risorsa».

Video popolari

Educazione al rispetto e all'autostima: firmato il protocollo tra Comune e università di Verona

VeronaSera è in caricamento