Covid e problemi psichiatrici, linee guida Oms col contributo di Verona

Un gruppo di ricerca dell'ateneo di Verona, diretto da Corrado Barbui, ha aiutato a formulare linee guida sui trattamenti delle manifestazioni neuropsichiatriche in pazienti positivi al coronavirus

Il gruppo di ricerca di Barbui

Ansia, disturbi del sonno, vere e proprie forme di depressione. Tra gli effetti del Covid-19 sulla nostra salute, va considerato anche il suo pesante impatto psicologico, sulla popolazione in generale ed in particolare su chi è affetto dal virus. Un gruppo internazionale di esperti, tra cui alcuni ricercatori dell'università di Verona, ha collaborato con l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per formulare le linee guida sul trattamento farmacologico e non farmacologico delle manifestazioni neuropsichiatriche in pazienti con Covid-19, in particolare delirium, ansia, depressione e disturbi del sonno.

Il ​WHO Collaborating Centre for Research and Training in Mental Health and Service Evaluation dell'ateneo scaligero, diretto da Corrado Barbui, docente di psichiatria nel dipartimento di neuroscienze, biomedicina e movimento, ha svolto il ruolo di supporto metodologico e raccolta sistematica delle evidenze per la produzione di tali linee guida. Inoltre, il professor Barbui, è stato membro del gruppo chiamato a valutare ed approvare tutte le raccomandazioni sulla gestione del Covid-19, non soltanto in ambito psichiatrico.

Le raccomandazioni «Management of neurological and mental manifestations associated with COVID-19», a cui hanno contribuito Giovanni Ostuzzi, Davide Papola, Chiara Gastaldon, Federico Bertolini e Corrado Barbui, sono state inserite nel documento «Clinical management of Covid-19. Interim guidance», pubblicato dall'Oms.
Oltre all’ateneo scaligero, ha collaborato alla produzione delle raccomandazioni anche Georgios Schoretsanitis, psichiatra e ricercatore dello Zucker Hillside Hospital di New York.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La revisione della letteratura condotta dal gruppo dell'ateneo di Verona e la discussione collegiale del gruppo di esperti internazionali ha portato alla formulazione di linee guida sulla corretta gestione farmacologica e non farmacologica delle più importanti manifestazioni neuropsichiatriche in pazienti affetti da Covid-19 - ha spiegato Barbui - in particolare delirium, ansia, depressione e disturbi del sonno. Considerate le scarse conoscenze attuali sulle manifestazioni neuropsichiatriche in pazienti affetti da Covid-19, è di massima importanza promuovere a livello globale l'uso razionale dei farmaci e la capillare disponibilità di appropriati interventi di supporto psicologico e psicosociale»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante veronese: "Chiuso.. fino a sepoltura del nostro amatissimo Giuseppe Conte"

  • Senza patologie, 55enne morto per Covid. La moglie: «Questo mostro c'è»

  • Cena all'alba da tutto esaurito in un ristorante di Verona: bollito e pearà alle ore 5.30

  • Nuovo Dpcm, c'è la firma del premier Conte: stop servizio al tavolo nei locali dalle ore 18

  • Regioni contro il Dpcm, la lettera: «Chiusura ristoranti alle 23, cinema e palestre aperti»

  • Ripescato dai pompieri un cadavere nel fiume Adige a Verona: si tratta di una donna 55enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento